Umberto Menti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Menti
Umberto Menti.jpg
Umberto Menti (1938)
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1944 - calciatore
1972 - allenatore
Carriera
Giovanili
ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza
Squadre di club1
1932-1935 ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza 32 (5)
1935-1937 Juventus Juventus 44 (5)
1937-1938 ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza 30 (11)
1938-1941 Milano Milano 28 (5)
1941-1943 Napoli Napoli 19 (2)
1944 Padova Padova 3 (1)
Carriera da allenatore
1950-1971 L.R. Vicenza L.R. Vicenza vice
1967 L.R. Vicenza L.R. Vicenza
1968 L.R. Vicenza L.R. Vicenza
1971-1972 L.R. Vicenza L.R. Vicenza
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 novembre 2009

Umberto Menti (Vicenza, 16 aprile 1917Vicenza, 2002) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Era un'ala sinistra.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fratello maggiore del più celebre Romeo, esordì il 14 maggio 1933 a 16 anni nel Vicenza in Prima Divisione, diventando così il più giovane giocatore fino ad allora della squadra biancorossa, record poi battuto proprio dal fratello minore e tuttora in vigore.

Dopo una decina di partite in Serie B, in seguito alla promozione, divenne titolare dal campionato 1934-1935, passando nel 1935 alla Juventus reduce da cinque scudetti consecutivi; a Torino ebbe l'onere di raccogliere la pesante eredità di Raimundo Orsi.

Dopo due stagioni in bianconero, tornò per un anno al Vicenza in Serie C, sfiorando la promozione fra i cadetti arrivando secondi per cinque punti. In quella stagione giocò con il fratello Romeo: i fratelli Menti formarono così la coppia d'ali del Vicenza, forse la più forte coppia mai schierata in oltre 100 anni di storia. Segnarono 21 reti Romeo, capocannoniere della squadra e 11 Umberto.

Fra il 1938 e il 1941 giocò con la maglia del Milan, al fianco di Giuseppe Meazza ormai nella sua fase calante. Chiuse la sua carriera giocando con il Napoli ed il Padova.

Dopo il ritiro dall'attività agonistica fu per decenni figura di spicco nel calcio vicentino, ricoprendo numerosi incarichi tecnici fra cui quello di secondo allenatore dal 1950 al 1971, guidando la squadra nel 1971-72 alla salvezza e tornando poi al ruolo di secondo allenatore e preparatore atletico. Fra i suoi successi si ricordano i due Tornei di Viareggio del 1954 e del 1955 con la Primavera del Vicenza.

Amatissimo in tutto l'ambiente biancorosso, "el sior Berto" come veniva chiamato a Vicenza, morì pochi giorni dopo il Centenario della squadra nel 2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Dario Marchetti (a cura di), Umberto Menti in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.