Umberto Bisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Bisi nel 1946

Umberto Bisi (Rovereto di Novi, 22 maggio 1923Modena, 4 dicembre 1999) è stato un partigiano e politico italiano.

Con il nome di battaglia "Omar" prese parte attiva alla Resistenza dove si distinse per doti strategiche, umane e politiche che gli valsero la Medaglia d'oro al valor militare e la Bronze star[1]. Fu comandante della brigata Walter Tabacchi, la principale unità gappista della pianura modenese.

Nel dopoguerra intraprese la carriera politica a livello locale, facendo parte della Giunta Comunale di Modena e della Giunta Provinciale di Modena in diverse legislature a partire dal 1964.

Negli anni novanta è stato presidente della sezione di Modena, vice presidente della sezione regionale e membro del Consiglio nazionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (ANPI).

Dal 1998 è stato membro del Consiglio direttivo dell'Istituto per la storia della Resistenza e della Società contemporanea.

Dopo la morte, il Comune di Modena gli ha intitolato un parco nel quartiere Modena-Est.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Combattente di eccezionale ardimento, superba figura di comandante pieno di slancio e di rara perizia, in 17 mesi di dura lotta partigiana consacrava tutto se stesso alla santa causa della Patria e della libertà. Sprezzante di ogni pericolo, con serena audacia e cosciente coraggio, innumerevoli volte affrontava preponderanti forze nemiche guidando i suoi uomini ai più completi successi. Al comando del suo G.A.P. attaccava di notte tempo una autocolonna nemica e con intenso lancio di bombe a mano portava lo scompiglio fra l'avversario, che, riavutosi dalla sorpresa, passava al contrattacco. Per oltre un'ora resisteva valorosamente nonostante la superiorità numerica del nemico e, mentre con l'esempio incitava i suoi compagni, cadeva gravemente ferito. Rifiutato ogni soccorso rimaneva sul campo continuando a dirigere l'azione fino all'esaurimento delle forze. Fulgido esempio di eccezionale ardimento e di sublime eroismo.[2].»
— Pianura Modenese, dicembre 1943 - aprile 1945
Bronze Star Medal - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda dell'ANPI. URL consultato in data 06-02-2012.
  2. ^ Sito web della Presidenza della Repubblica. URL consultato in data 24-01-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • C. Silingardi, Una provincia partigiana. Guerra e Resistenza a Modena 1940-1945, Angeli, Milano 1998
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie