Ugo di Santalla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ugo di Santalla (... – ...) è stato un traduttore spagnolo che operò nella prima parte del XII secolo.

Dalla lingua araba egli tradusse in latino testi di alchimia, astronomia, astrologia e geomanzia.

Si crede sia stato prete in Spagna, operante a Tarazona.[1].

Lavori a lui attribuiti sono le traduzioni di Ahmad ibn Muhammad ibn Kathīr al-Farghānī (Alfraganus),[2] di Abū l-Hasan ʿAlī ibn Abī l-Rijāl (Haly Abenragel), il Liber de secretis naturae di Apollonio di Tiana[3], De Spatula sulla divinazione[4], e la nota Tabula Smaragdina[5]. Il suo Liber Aristotilis fu un'antologia di materiali di provenienza greca e persiana, nessuno dei quali peraltro attribuibili ad Aristotele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chapter 8: Islamic and Christian Spain in the Early Middle Ages
  2. ^ [1] Bodleian MS.
  3. ^ Bibliografia Medievale
  4. ^ Confessio Amantis, Notes
  5. ^ J.R. Ritman Library - Bibliotheca Philosophica Hermetica

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Charles Burnett, The Liber Aristotilis of Hugo of Santalla, David Pingree, 1977.
  • Commentary on tables of Alcoarismi, tr. Hugo of Santalla, E. Millás (ed.), Madrid, 1963.
  • Charles Homer Haskins, "The Translations of Hugo Sanctelliensis", Romanic Review, II, 1911.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]