Ubriaco d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ubriaco d'amore
Ubriacodamore.JPG
Una scena del film
Titolo originale Punch-Drunk Love
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere commedia, drammatico, romantico
Regia Paul Thomas Anderson
Soggetto Paul Thomas Anderson
Sceneggiatura Paul Thomas Anderson
Produttore Paul Thomas Anderson, Daniel P. Collins, Daniel Lupi, JoAnne Sellar
Casa di produzione New Line Cinema, Revolution Studios
Distribuzione (Italia) Columbia Pictures
Fotografia Robert Elswit
Montaggio Leslie Jones
Effetti speciali Industrial Light & Magic
Musiche Jon Brion
Scenografia William Arnold, Sue Chan
Costumi Mark Bridges
Interpreti e personaggi
Premi

Ubriaco d'amore (Punch-Drunk Love) è un film del 2002 diretto da Paul Thomas Anderson, vincitore del premio per la regia alla 55ª edizione del Festival di Cannes.[1]

A dispetto della dicitura "ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale" al termine dei titoli di coda, il film è stato ispirato dalla storia vera di David Phillips, che nel 1999 ha accumulato una grande quantità di miglia aeree gratis approfittando della promozione di un'azienda di prodotti alimentari.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Barry è un piccolo imprenditore, la sua ditta vende sturalavandini e altri articoli simili. Il fatto di essere l'unico maschio in mezzo a sette sorelle sembra aver avuto delle ripercussioni sulla sua personalità reprimendola, ha un comportamento passivo e a volte ha dei violenti scatti di ira. Ha scoperto che la promozione di un'azienda alimentare offre una vantaggiosissima occasione di accumulare miglia aeree, inizia quindi a comprare grandi quantità di budino.

Una mattina una donna porta la sua auto a riparare nell'officina che si trova a fianco all'azienda di Barry, essendo ancora chiusa la donna gli chiede di consegnare le chiavi da parte sua. Durante la giornata Barry viene tempestato di telefonate dalle sue sorelle che gli chiedono se quella sera verrà alla festa di compleanno di una di loro, successivamente la sorella Elizabeth va a trovarlo e gli anticipa che alla festa sarà presente anche una sua amica e che vuole che escano insieme, Barry però non alcuna intenzione di prestarsi a questa cosa. La sera, alla festa, l'amica di Elizabeth non è presente; Barry, innervosito dalle sorelle, ha uno dei suoi attacchi e rompe delle vetrate, confessa poi al cognato che sente il bisogno di vedere uno psicologo.

Elizabeth fa visita a suo fratello insieme all'amica Lena: si tratta della donna che aveva portato l'auto a riparare. Lena invita Barry a cena, dove gli confessa che dopo aver visto una sua foto ha chiesto ad Elizabeth di conoscerlo e anche di aver finto il guasto dell'auto. Tra i due nasce una relazione. Per motivi di lavoro, Lena deve recarsi alle Hawaii, Barry decide di andarla a trovare per farle una sorpresa.

Dopo aver chiamato una hot line in un momento di solitudine, Barry viene perseguitato prima dalle telefonate della ragazza che gli chiede dei soldi e poi da un gruppo di quattro fratelli che gli estorcono del denaro. Una sera, mentre Barry e Lena sono in auto, vengono colpiti dal furgone dei quattro fratelli, quando Barry vede che Lena si è ferita alla testa scatta fuori e picchia i balordi. Barry lascia Lena in ospedale e decide di chiudere una volta per tutte la faccenda della hot line, vola a Provo dove affronta il titolare Dean Trumbell, che è anche il proprietario di un negozio di materassi, e viene finalmente lasciato in pace.

Barry torna da Lena e le racconta la vicenda. È dispiaciuto di averla abbandonata in ospedale, il suo desiderio ora è quello di usare le miglia aeree per accompagnarla nei suoi viaggi d'affari e stare sempre insieme alla sua amata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 2002, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.
  2. ^ Ubriaco d'amore, SonyPictures.it. URL consultato il 18-1-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema