Ubari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ubari
città
أوباري
Localizzazione
Stato Libia Libia
Regione Fezzan
Municipalità Uadi el-Agial
Territorio
Coordinate 26°35′N 12°46′E / 26.583333°N 12.766667°E26.583333; 12.766667 (Ubari)Coordinate: 26°35′N 12°46′E / 26.583333°N 12.766667°E26.583333; 12.766667 (Ubari)
Altitudine 463 m s.l.m.
Abitanti 40 075 (2003)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Libia
Ubari

Ubari (arabo:أوباري, Awbāri) è una città della regione del Fezzan nella Libia del sud-ovest. È il capoluogo della municipalità di Uadi el-Agial.

La città si trova al centro dell'oasi omonima.

L'oasi[modifica | modifica wikitesto]

Oasi di Ubari
Dune di sabbia nell'Idehan di Ubari

Ubari è un'oasi della Libia sud-orientale, nella regione del Fezzan.

Ubari si trova nella valle dello Uadi el-Agial, fra l'altopiano del Messak Sattafat e l'Idhan di Ubari. Lungo questa valle si trovano altre oasi e passa la strada che collega Sabha, nella la zona centrale del Sahara, con Awaynat e Ghat nella parte sud-occidentale al confine con l'Algeria.

In epoche passate questa strada era uno dei principali itinerari trans-sahariani, percorso dalle carovane che collegavano i porti del mediterraneo con le regioni dell'Africa occidentale .

Lungo tale strada, a circa di 30 km a est di Ubari si trova l'oasi di Germa che ospita i resti di una antica città berbera capitale del regno dei Garamanti.

A metà strada fra Ubari e Sabha, nell'erg di Ubari in direzione nord, si trovano quattro piccole oasi con relativi laghi salati che costituiscono una delle attrattive turistiche della zona. L'oasi e i laghi più noti sono quelli di Gaberoun e di Um el Ma

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della prima guerra mondiale, i Turchi si schierarono a fianco di Austria e Germania, ed entrarono in guerra il 29 ottobre 1914.

I Senussi, fomentati dai turchi, cercarono di approfittare della situazione ed iniziarono una serie di azioni contro i presidi italiani in Libia e contro le carovane che li rifornivano, mentre l'Italia era ancora al momento neutrale.

Ai primi di dicembre 1914 venne dall'Italia l'ordine di concentrare tutte le forze presenti nel Fezzan su Brach. Furono quindi sgombrate varie città fra cui Ghadames. Nalut, assalita dai Senussi fu liberata il 15 dicembre dalle truppe italiane comandate dal colonnello Roversi, ma Sebha non ebbe altrettanta fortuna e fu persa. Successivamente tutta la regione dello Sciati entrò in rivolta. Fu quindi accelerato il ritiro da tutti i presidi del Fezzan. Il presidio di Murzuch rientrò il 12 dicembre, quello di Ghat dopo una lunga marcia attraverso il deserto, riuscì a salvarsi raggiungendo la costa. Invece, il presidio di Ubari, fu attaccato dai ribelli Senussi con forze preponderanti e dopo una lunga resistenza fu totalmente annientato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]