USS Yorktown (CV-5)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yorktown
la USS Yorktown ancorata in Virginia
la USS Yorktown ancorata in Virginia
Descrizione generale
US Naval Jack.svg
Tipo Portaerei
Classe Yorktown
Proprietario/a US Navy
Ordinata 3 agosto 1933
Cantiere Newport News Shipbuilding
Impostata 21 maggio 1934
Varata 4 aprile 1936
Entrata in servizio 30 settembre 1937
Radiata 2 ottobre 1942
Destino finale distrutta dai giapponesi nella Battaglia delle Midway
Caratteristiche generali
Dislocamento 20.191 t (standard)
25.893 t (pieno carico)
Fine 1945 (pieno carico): 27.535
Lunghezza Linea di galleggiamento: 232 m
Globale: 246,7 m
Larghezza Linea di galleggiamento: 25,4 m
Globale: 33,4 m
Altezza 45 m
Pescaggio 7,9 m
Propulsione 9 caldaie Babcock & Wilcox, 4 turbine meccaniche Westinghouse, 4 assi elica
120.000 CV
Velocità 32,5 nodi  (61 km/h)
Autonomia 12.5000 mn a 15 nodi (23.150 km a 28 km/h)
Equipaggio 2.200 marinai + personale di volo
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 8 pezzi da 5"/38 Mark 21 Mod 16 (127 mm) (affusti singoli) (sostituiti con il modello Mark 24 Mod 11 nel 1943)
  • 16 pezzi da 1,1"/75 (28 mm) (4 affusti quadrupli)
  • 24 pezzi .50"/90 M2 Browning MG (12,7 mm)
Corazzatura ponte hangar: 38 mm
verticale: da 64 a 102 mm
Mezzi aerei 80-100 aerei
3 elevatori
2 catapulte idrauliche sul ponte di volo
1 catapulta idraulica sul ponte hangar
Note
Autonomia di pattuglia: 75 giorni

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Yorktown CV-5 fu la prima portaerei della sua omonima classe della US Navy che combatté nell'Oceano Pacifico durante la seconda guerra mondiale. La Yorktown diede un importante contributo per la riconquista dell'Oceano Pacifico.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

La Yorktown, assegnata inizialmente alla flotta del Pacifico, venne trasferita nella primavera 1941 nel settore dell'Atlantico per rafforzare le forze navali americane impegnate a supportare la Royal navy nella "guerra dei convogli" contro la minaccia degli U-Boot tedeschi. Dopo il disastro di Pearl Harbor l'ammiragliato statunitense decise di potenziare la flotta portaerei nel Pacifico, limitata in quel momento solo a tre navi, la USS Enterprise (CV-6), la USS Lexington (CV-2) e la USS Saratoga (CV-3). Pertanto la Yorktown attraversò il canale di Panama e arrivò alla base di San Diego, prima di trasferirsi alle Hawaii.

Agli ordini dell'ammiraglio Fletcher formò la nuova Task Force 17, il 30 dicembre 1941. La prima missione fu alle isole Marshall. La Yorktown fu scortata da due corazzate e la missione andò a buon fine, un successo sui Giapponesi. Agli inizi di maggio 1942 ebbe luogo la battaglia del Mar dei Coralli, nella quale la Yorktown venne pesantemente danneggiata da attacchi aerei giapponesi, ma riuscì a fare ritorno a Pearl Harbor, dove riparazioni che richiedevano settimane furono effettuate in tre giorni. In seguito, il 4 giugno 1942, le forze navali americane che comprendevano tre portaerei, la Yorktown, l'Enterprise e la Hornet riportarono una schiacciante vittoria a Midway, affondando con i bombardieri di picchiata ben quattro portaerei giapponesi. La Yorktown venne bombardata da aerei giapponesi ed infine silurata ed affondata dal sommergibile giapponese I 168. Nella stessa azione venne silurato e affondato il cacciatorpediniere americano Hamman, il quale si era affiancato alla portaerei per prestarle soccorso.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]