USNS Observation Island (T-AGM-23)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USNS Observation Island (T-AGM-23)
USNS Observation Island (T-AGM-23).jpg
Flag of the United States.svg
Classe AMG 53
Proprietà Flag of the United States.svg United States Navy
Ordinata 1º giugno 1951
Costruttori New York Shipbuilding Corporation[1]
Impostata 15 settembre 1952
Varata 15 agosto 1953
Acquisita 24 febbraio 1954
Entrata in servizio 15 dicembre 1958
1º luglio 1977
Fuori servizio 1º gennaio 1972
Stato In servizio a tutto il 2012 con il Military Sealift Command[2]
Caratteristiche generali
Dislocamento 17288 t
Lunghezza 172 m
Larghezza 23 m
Pescaggio 8,7 m
Propulsione 2 caldaie; 1 turbina GE; 19250 hp, un'elica
Velocità 20 nodi  (37 km/h)
Equipaggio 92 ufficiali
465 sottufficiali e marinai
20 tecnici US Navy
35 tecnici civili
Equipaggiamento
Sensori di bordo AN/SPQ-11 Cobra Judy

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La USNS Observation Island (T-AGM-23), ex-MA-28, ex-YAG-57, ex-E-AG-154, ex-Empire State Mariner, è la storica unità della United States Navy che nel 1969 lanciò il primo missile balistico Poseidon, il primo di questo tipo ad essere lanciato da una nave in navigazione, conseguendo il riconoscimento Meritorious Unit Commendation, conferito alla nave e all'equipaggio.[3][4] La nave è al 2012 una delle due Missile Range Instrumentation Ships (navi con strumentazione per la misura della portata dei missili) impiegata dal Military Sealift Command.[5] Uno dei radar che trasporta è il AN/SPQ-11 Cobra Judy Passive Electronically Scanned Array.

L'unità opera tipicamente nell'Oceano Pacifico, facilmente riconoscibile essendo verniciata totalmente di bianco, apparati elettronici inclusi. Un piccolo ponte da volo è a poppa, ma senza hangar.

Tra i sistemi elettronici di bordo, il più notevole è il radar SPG-11 "Cobra Judy", costituito da una antenna piana a dipoli in fase (Phased Array), capace di seguire a lungo raggio bersagli multipli ad altissime velocità, come per l'appunto le testate multiple dei missili in fase di rientro nell'atmosfera. La struttura entro cui è sistemato il radar ha forma tronco-piramidale e pesa in tutto oltre 250 tonnellate. La dotazione di sistemi elettronici di comunicazione comprende un paio di grandi antenne satellitari per la comunicazione in tempo reale dei dati ottenuti, sistemate sul grande blocco di sovrastrutture a centro nave, davanti al fumaiolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ships Built to MARAD Designs, ShipBuildingHistory.com. URL consultato il 2 marzo 2012.
  2. ^ USNS OBSERVATION ISLAND (T-AGM 23), Naval Vessel Register. URL consultato il 2 marzo 2012.
  3. ^ Admiral E.R. Zumwalt Jr., (1971) "Letter: Secretary of the Navy presentation of the Meritorious Unit Commendation"
  4. ^ Captain W.C. Dotson, (1971), "Letter to SD2 Rolando S. Caparas, USN: Meritorious Unit Commendation"
  5. ^ USNS OBSERVATION ISLAND (T-AGM 23) in http://www.msc.navy.mil, U.S Navy Military Sealift Command. URL consultato il 17 agosto 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]