UK Space Agency

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La UK Space Agency (Agenzia Spaziale del Regno Unito) è un'agenzia governativa del Regno Unito responsabile del suo programma spaziale civile. È stata istituita il 1º aprile 2010 per sostituire il British National Space Centre e ha assunto la responsabilità della politica e dei principali bilanci del governo inattivi nelle attività spaziali[1] e rappresenta il Regno Unito in tutti i negoziati in materia spaziale.[2][3] Essa "[mette] insieme tutte le attività spaziali civili del Regno Unito sotto un'unica direzione".[1] Sta operando inizialmente dalla sede esistente del BNSC a Swindon, Wiltshire.[2][4][5][6]

Creazione e scopi[modifica | modifica wikitesto]

La UK Space Agency è stata annunciata da Lord Mandelson, Lord Drayson e dall'astronauta Maggiore Timothy Peake al Queen Elizabeth II Conference Centre il 23 marzo 2010.

Fondi per circa 230 milioni di sterline e funzioni direttive sono confluite nella UK Space Agency da altre organizzazioni.[2] La sua creazione è costata 60 milioni di dollari USA.[7] "Migliorare il coordinamento degli sforzi del Regno Unito in campi come scienze della Terra, telecomunicazioni ed esplorazioni spaziali" formerà parte del suo ambito di competenza, secondo Lord Drayson.[8]

Anteriormente alla creazione della UK Space Agency, l'industria spaziale e satellitare nel Regno Unito era valutata circa 6 miliardi di sterline e manteneva 68.000 posti di lavoro. L'obiettivo ventennale della UK Space Agency è di aumentare il valore dell'industria a 40 miliardi di sterline e 100.000 posti di lavoro,[1] e di rappresentare il 10% dei prodotti e servizi spaziali mondiali (aumentando dall'attuale 6%). Questo piano deriva dalla "Strategia di Innovazione e Crescita Spaziale" (Space Innovation and Growth Strategy, Space-IGS).[2]

Sebbene la Space-IGS richiedesse che il Regno Unito raddoppiasse i contributi all'Agenzia Spaziale Europea (European Space Agency, ESA) e iniziasse e guidasse almeno tre missioni fra ora e il 2030, questi impegni non sono stati esplicitati, dichiarando Lord Drayson che "richiederemo un progetto imprenditoriale vincolante per ciascuna proposta o missione".[2]

Centro Internazionale per l'Innovazione Spaziale[modifica | modifica wikitesto]

Come parte della UK Space Agency, un "Centro Internazionale per l'Innovazione Spaziale" (International Space Innovation Centre, ISIC) da 40 milioni di sterline sarà creato a Harwell, Oxfordshire,[1] accanto alla struttura di ricerca dell'ESA. Alcuni dei suoi compiti saranno di indagare sul cambiamento climatico e sulla sicurezza dei sistemi spaziali. 24 milioni di sterline del costo del centro saranno finanziati dal governo, con il resto dall'industria, ed occuperà 700 persone nell'arco di cinque anni.[9]

Trasferimento di competenze[modifica | modifica wikitesto]

La UK Space Agency ha rilevato le seguenti competenze da altre agenzie governative:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h New space agency and new international space centre for UK, BNSC, 23 marzo 2010.
  2. ^ a b c d e Jonathan Amos, 'Muscular' UK Space Agency launched, BBC News, 23 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  3. ^ UK Space Agency announced
  4. ^ The Press Association: UK's space agency to be revealed, UKPA, via Google.com. URL consultato il 23 marzo 2010.
  5. ^ David Derbyshire, British space centre to be revealed ... but will it be called Her Majesty's Space Agency (MASA) | Mail Online (Londra), Dailymail.co.uk, 24 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  6. ^ UK Space Agency launched in London, Telegraph, 23 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  7. ^ Quest Means Business: Blog Archive – Should we bother exploring space? « – Blogs from CNN.com, Questmeansbusiness.blogs.cnn.com, 19 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  8. ^ Science Minister launches the UK Space Agency, Wired.co.uk. URL consultato il 23 marzo 2010.
  9. ^ Oxfordshire to get £40m space centre, BBC, 23 marzo 2010.
  10. ^ News from Council – March 2010, STFC, 26 marzo 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica