Tzannis Tzannetakis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tzannis Tzannetakis, in greco Τζάννης Τζαννετάκης) (Gizio, 13 settembre 1927Atene, 1º aprile 2010), è stato un politico greco, Primo ministro della Grecia dal 2 luglio 1989 al 12 ottobre 1989.

Sposato con Maria Rangousi, è stato ufficiale della marina militare e come tale gli fu affidato il comando di varie unità navali soprattutto sommergibili. Abbandonò il corpo il 22 aprile 1967 per protesta contro la giunta militare che aveva preso il potere un giorno prima.

Dopo la fine della dittatura entrò nei ranghi del partito Nuova Democrazia e fu eletto deputato nel 1977. Fu ministro per le opere pubbliche nel 1981 durante l'ultimo governo di Nuova Democrazia.

Il 2 luglio 1989 accettò l'incarico di primo ministro e formò un governo sostenuto da comunisti e conservatori. Nel successivo governo di Costantino Mitsotakis fu viceprimoministro per poi passare al ministero dei beni culturali.

Ha scritto vari libri con tema centrale la filosofia indiana ed ha tradotto in greco un'antologia di brani tratti dall'Upanisad.

È scomparso nel 2010 all'età di 82 anni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizia della morte sul Washington Post
Predecessore Primo Ministro della Grecia Successore Flag of Greece.svg
Andreas Papandreou 1989 Yannis Grivas