Tver'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tver'
città (gorod)
Тверь
Tver' – Stemma Tver' – Bandiera
Tver' – Veduta
Localizzazione
Stato Russia Russia
Distretto federale Centrale
Soggetto federale Flag of Tver Oblast.svg Tver'
Rajon Non presente
Territorio
Coordinate 56°51′28″N 35°55′19″E / 56.857778°N 35.921944°E56.857778; 35.921944 (Tver')Coordinate: 56°51′28″N 35°55′19″E / 56.857778°N 35.921944°E56.857778; 35.921944 (Tver')
Altitudine 135[1] m s.l.m.
Superficie 152 km²
Abitanti 410 410[2] (1º gennaio 2010)
Densità 2 700,07 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 170000
Prefisso (+7) 4822/48222[1]
Fuso orario UTC+4
Targa 69
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Tver'
Sito istituzionale

Tver' (Тверь), dal 1931 al 1990 Kalinin (Калинин), è una città della Russia europea centrale.

La città è capoluogo dell'omonima oblast' e, pur essendone amministrativamente separata, del rajon Tverskoj. La città è anche sede dell'eparchia di Tver e Kashin, della chiesa ortodossa russa.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trova alla confluenza del fiume Tverca nel Volga, 160 km a nord-ovest di Mosca, sulla ferrovia Mosca-San Pietroburgo. Fa parte del cosiddetto Anello d'Oro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini medievali[modifica | modifica wikitesto]

La prima testimonianza scritta a proposito di Tver' risale al 1164. In origine fondata dai mercanti provenienti da Novgorod sulle rotte commerciali che univano la Russia settentrionale all'Impero bizantino, divenne parte integrante del Principato di Vladimir-Suzdal' nel 1209. Nel 1246, Aleksandr Nevskij la concesse in appannaggio al proprio fratello minore Jaroslav, dal quale in seguito discese la dinastia dei Principi locali. Quattro di questi furono uccisi dall'Orda d'Oro e furono proclamati santi dalla Chiesa ortodossa russa.

Originariamente una terra di boschi e paludi, il Principato di Tver' si trasformò velocemente in uno dei più ricchi e popolosi Stati russi. Poiché il suo territorio era difficilmente accessibile alle incursioni tatare vi fu un grande movimento migratorio verso i suoi confini dalle terre devastate del sud. Alla fine del secolo fu pronto per contendere al Granducato di Mosca la supremazia sull'intera Rus'.

Gran Principato[modifica | modifica wikitesto]

Mikhail di Tver, che salì al trono di Vladimir nel 1305, fu uno dei regnanti medievali russi più amati. La sua politica di aperto conflitto con l'Orda d'Oro portò al suo assassinio nel 1318. Suo figlio Dmitri "dagli Occhi Terribili" gli successe sul trono di Tver', e, concludendo un patto di alleanza con la potente Lituania, cercò in tal modo di ampliare la sfera di influenza politica della città.

Preoccupato dalle trame di Dimitri, il nuovo Principe di Vladimir Ivan Kalita lo fece uccidere dai Mongoli nel 1326. Avuta notizia dell'assassinio, la città si ribellò all'Orda, che, uninendo le forze con la Moscovia, riuscì tuttavia a reprimere con brutalità la ribellione. Molti cittadini di Tver' furono uccisi, schiavizzati o deportati. Questo avvenimento fu un terribile colpo per la città nella sua lotta per la supremazia in Russia.

Nella seconda metà del XIV secolo, Tver' fu ulteriormente indebolita dalle lotte dinastiche tra i suoi Principi. Due rami della casa regnante, i Kašin e i Kholmskij, si combatterono infatti per il trono del Granducato. Le rivendicazioni furono sostenute da Mosca che approfittò della situazione creatasi per consolidare il suo controllo sulla vicina regione.

Durante la Gran Guerra feudale in Moscovia, Tver' si ribellò nuovamente e concluse un trattato difensivo con Lituania, Novgorod, Bisanzio e l'Orda d'Oro. Il Gran Principe Boris di Tver inviò uno dei suoi uomini, Afanasij Nikitin, alla ricerca di oro e diamanti nella lontana India. L'opera di quest'ultimo, che descrive il suo viaggio dal 1466 al 1477, è probabilmente il primo racconto scritto di prima mano dell'India da parte di un europeo. Un monumento a Nikitin fu eretto sull'argine del Volga nel 1955.

Storia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Il Volga.

Il 12 settembre 1485, le forze di Ivan il Grande assediarono la città e la sconfissero. Il Principato fu dato in appannaggio al nipote dello zar e fu abolito dopo alcune decine di anni. Gli ultimi eredi della dinastia un tempo regnante furono giustiziati da Ivan il Terribile durante l'Opričnina, mentre Tver' fu assegnata a Simeon Bekbulatovič, in precedenza khan di Kasimov. I soli resti del suo effimero regno sono rappresentati dalla graziosa chiesa a forma di tenda sita nel villaggio di Kušalino, 28 km a nord-est di Tver'.

Il declino della città non era comunque segnato: con la costruzione di San Pietroburgo Tver' acquistò importanza come principale stazione sulla strada (e più tardi sulla ferrovia) che collegava la nuova capitale a Mosca. Fu in particolare molto visitata dalla nobiltà russa che qui sostava durante i viaggi tra le due città. Dopo il grande incendio del 1763, la città fu ricostruita in stile neoclassico. Sotto Caterina II il centro fu interamente rinnovato con la demolizione dei vecchi edifici e la loro conseguente ricostruzione in quest'ultimo stile, i più importanti dei quali furono il Palazzo di Viaggio dell'Imperatrice (disegnato da Matvei Kazakov), e la Chiesa dell'Ascensione (progettata dal Principe L'vov e consacrata nel 1813).

Nel 1931 la città fu ribattezzata Kalinin, in onore del leader sovietico Mikhail Kalinin, nato nei suoi pressi. L'ultimo monumento dell'epoca antecedente alla conquista di Pietro il Grande, la Cattedrale del Salvatore, fu distrutta nel 1936. Nel 1940 la NKVD giustiziò più di 6.200 polacchi, poliziotti e prigionieri di guerra nel Campo di Ostaškov. La Wehrmacht occupò Kalinin per due mesi nel 1941, lasciando la città in cenere. Un movimento di resistenza su larga scala, attivo nella città e nella regione, comportò la morte di più di 30.000 soldati e ufficiali nazisti durante l'occupazione. La città fu il primo grande insediamento in Europa ad essere liberato dalla Wehrmacht. Durante la Guerra Fredda fu sito della base aerea Kryučkovo, oggi non più operante. L'antico nome della città fu ripristinato nel 1990.

Ad eccezione della periferica Bianca Chiesa della Trinità (1564), a Tver' non è rimasto alcun monumento più antico dell'era della zarina Caterina. Il centro è costituito da edifici e ponti dell'epoca della grande sovrana frammischiati a estese costruzioni sovietiche. L'attività economiche più importante è la fabbrica per macchine ferroviarie, aperta nel 1898.

Andamento demografico[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: mojgorod.ru

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Tver' è gemellata con:

Persone legate a Tver'[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (RU) Mojgorod.ru - Tver'
  2. ^ (RU) Popolazione della Russia al 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Stemma dell'Oblast' di Tver' Città dell'Oblast' di Tver' Bandiera della Russia
Capoluogo: Tver'

Andreapol' | Bežeck | Belyj | Bologoe | Kaljazin | Kašin | Kimry | Konakovo | Krasnyj Cholm | Kuvšinovo | Lichoslavl' | Nelidovo | Ostaškov | Ržev | Starica | Toržok | Toropec | Udomlja | Ves'egonsk | Vyšnij Voločëk | Zapadnaja Dvina | Zubcov

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia