Tuttomondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tuttomondo
'Tuttomondo'
Il murale nel 2013, dopo il restauro
Autore Keith Haring
Data 1989
Tecnica Murale
Dimensioni 1000 cm × 1800 cm 
Ubicazione Chiesa di Sant'Antonio abate, Pisa

Tuttomondo è un grande murale realizzato da Keith Haring nel 1989 sulla parete esterna della canonica della chiesa di Sant'Antonio abate a Pisa.

La superficie della parete misura circa 180 metri quadri[1] (10 metri di altezza per 18 metri di larghezza),[2] si tratta del più grande murale mai realizzato in Europa, l'ultima opera pubblica dell'artista statunitense, nonché l'unica pensata per essere permanente.[1]

« Pisa è incredibile. Non so da dove cominciare. Mi rendo conto ora che si tratta di uno dei progetti più importanti che io abbia mai fatto.[3] »
(Keith Haring, 19 giugno 1989)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Keith Haring incontrò a New York un giovane studente pisano, Piergiorgio Castellani,[4] che lo invitò a trascorrere un periodo di soggiorno nella città toscana. Qui l'artista ebbe l'idea di realizzare un murale: l'unico spazio disponibile era una grande parete esterna, posta sul lato nord del convento della chiesa di Sant'Antonio abate[2], semidistrutto durante i bombardamenti della II Guerra Mondiale. Grazie all'accordo raggiunto tra l'artista, il comune e il parroco del convento (il quale, pur essendo a conoscenza dell'omosessualità dell'artista, gli concesse l'utilizzo del muro del convento), si procedette con la realizzazione dell'opera.

L'artista dipinse il grande murale nel giugno del 1989, in soli quattro giorni.[3] Dopo aver imbiancato l'intera parete e aver disegnato in nero i contorni delle figure, Haring completò il murale colorandolo con l'aiuto di alcuni studenti e alcuni artigiani dell'azienda di vernici Caparol Center di Vicopisano, che aveva donato la vernice necessaria alla realizzazione dell'opera.[1]

Il murale Tuttomondo e la chiesa di Sant'Antonio abate.

Due video documentano l'intero processo di realizzazione: L'Arte in diretta, un videoclip di 5 minuti, e Tuttomondo, un'intervista documentario di 27 minuti. Entrambi i video sono stati girati dal regista Andrea Soldani, che ha inoltre realizzato con Haring anche alcune sperimentazioni di videografica su Polaroid scattate in città.[5]

Il grande interesse della popolazione per l'opera e le pressanti interviste, portarono Haring a dichiarare:

« Titoli? Una domanda difficile, perché non do mai un titolo a niente… Nemmeno questo dipinto ne ha uno, ma se dovesse averlo sarebbe qualcosa come… Tuttomondo»

Raramente Haring attribuiva un titolo alle sue opere, per lo più graffiti metropolitani destinati a scomparire col tempo. Il titolo proposto dall'autore, direttamente in italiano[4], esprime a parole il significato simbolico rappresentato: un futuro in cui gli ideali dominanti siano unitarietà e pace.

A differenza degli altri dipinti di Haring, realizzati solitamente in un unico giorno, Tuttomondo venne realizzato nel giro di una settimana: l'artista dedicò grande impegno nella realizzazione di quest'opera, ritenendola probabilmente più un'installazione permanente che un'opera temporanea.[6] Le vernici utilizzate e i recenti restauri hanno permesso all'opera di rimanere intatta nel suo splendore.

Particolare del murale.

Nei suoi Diari,[3] l'autore ha riportato l'entusiasmo di quei giorni per il cibo, la città e le reazioni della gente:

« Il tempo era bellissimo e il cibo ancora meglio. Ho impiegato quattro giorni per dipingere. Sto in un albergo direttamente di fronte al muro, così lo vedo prima di addormentarmi e quando mi sveglio. C'è sempre qualcuno che lo guarda (l'altra notte anche alle 4 del mattino). È davvero interessante vedere le reazioni della gente. »
(Keith Haring, 19 giugno 1989)

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto ritrae 30 figure dinamiche e di grande vitalità, concatenate e incastrate tra loro a simboleggiare la pace e l'armonia del mondo.[1] Al centro del murale si trova il simbolo di Pisa, la "croce pisana", rappresentata con quattro figure umane unite all'altezza della vita. Più in alto, un uomo sorregge sulle spalle un delfino, a sinistra compaiono un cane, una scimmia e un volatile: il legame dell'uomo con la natura è indispensabile per l'armonia del mondo. In alto a destra un paio di forbici, a simboleggiare il bene, rappresentate come l'unione di due figure umane, tagliano in due un serpente, a simboleggiare il male. Una donna con in braccio un bambino e un uomo con un televisore al posto della testa rappresentano il contrasto tra la naturalità della vita e la tecnologia che ne stravolge i ritmi. Due gemelli siamesi al centro, uniti nel tronco, e altri due a destra uniti all'altezza delle spalle, sono probabilmente una condanna ai disastri nucleari. In basso, al livello della strada, è stata raffigurata una figura gialla che cammina: rappresenta il pubblico, un passante o un turista, che dedica un momento di riflessione all'opera, prima di proseguire in direzione della Torre di Pisa.

Restauro[modifica | modifica wikitesto]

Tuttomondo prima del restauro, aprile 2011.

Nel 2011, a circa vent'anni di distanza dalla realizzazione dell'opera, la Fondazione Haring diretta da Julia Gruen ha valutato seriamente l'opportunità di ripulire il murale di piazza Sant'Antonio. La fondazione statunitense ha proposto di affidare i lavori alla Caparol Center, ditta che già si occupò nel 1989 di fornire gratuitamente la vernice per colorare il dipinto; per avviare il restauro c'è stato l'accordo tra il Comune di Pisa, la Fondazione Haring e la Caparol stessa.[7]

Il 16 novembre 2011 si è concluso il primo atto del progetto di conservazione e restauro del murale, che ha previsto la pulitura dell'opera; a primavera 2012 è prevista la seconda fase del progetto: l'applicazione di una sostanza protettiva per rallentare il processo di invecchiamento del murale[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Comune di Pisa - Murale di Keith Haring
  2. ^ a b Comune di Pisa - S.Antonio - Tuttomondo
  3. ^ a b c Radio Scrigno - Tuttomondo
  4. ^ a b Finestra sull'arte - Un capolavoro contemporaneo nell'antica Pisa: Tuttomondo di Keith Haring
  5. ^ Ondavideo.unipi - Ritratti di città
  6. ^ La città dimenticata – Tuttomondo
  7. ^ Carlo Venturini, Haring, la Fondazione dice sì al restauro in Il Tirreno, 6 marzo 2011. URL consultato il 14 aprile 2011.
  8. ^ Rosa Valentina Iungo, Ultimato il restauro del murale pisano di Keith Haring “Tuttomondo” in Assessorato alla cultura del Comune di Pisa, 23 novembre 2011. URL consultato il 4 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Omar Calabrese, Roberta Cecchi, Piergiorgio Castellani, Keith Haring a Pisa. Cronaca di un murales, Edizioni ETS, Pisa, 2003 2012;
  • Gregorio Rossi con l'introduzione di Andrea Benetti, Keith Haring ...disegnare sulla neve, Edizioni Carlo Cambi, Siena, 2011.