Turtur afer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tortora boschereccia macchieblu
Blue spotted wood dove.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Columbiformes
Famiglia Columbidae
Sottofamiglia Raphinae
Tribù Turturini
Genere Turtur
Specie T. afer
Nomenclatura binomiale
Turtur afer
(Linnaeus, 1766)

La tortora boschereccia macchieblu (Turtur afer Linnaeus, 1766) è un uccello della famiglia dei Columbidi[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La tortora boschereccia macchieblu è lunga 22 cm e pesa 53-74 g[3]. Delle stesse dimensioni delle congeneri, differisce dalla tortora boschereccia macchiesmeraldo per avere macchie blu iridescenti sulle ali al posto del verde, per il becco rosso e giallastro sulla parte terminale e per le zampe di un rosso più intenso[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di semi, talvolta di ricino, termiti e piccole chiocciole[3]. Costruisce un nido di 8-20 centimetri di diametro sugli alberi o sui cespugli a 1-3 metri di altezza, deponendo due uova color crema covate per 13 giorni. I piccoli sono svezzati a 13-14 giorni[3]. Stanziale ad eccezione delle popolazioni del Ghana che si spostano verso sud durante la stagione secca[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Vive nell'Africa a sud del Sahara fino a sud dello Zimbabwe e Transvaal[3]. Frequenta le aree boschive o cespugliose prediligendo le zone in prossimità dei corsi d'acqua, delle aree coltivate e deforestate[3]. Nelle zone più aride viene soppiantata dalla tortora boschereccia macchiesmeraldo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Turtur afer in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Columbidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  3. ^ a b c d e f g h David Gibbs, Eustace Barnes and John Cox, Pigeons and Doves – A Guide to the Pigeons and Doves of the World, Sussex, Pica Press, 2001, ISBN 90-74345-26-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli