Turrican

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Turrican
Turrican.png
Immagine della versione C64
Sviluppo Factor 5
Pubblicazione Rainbow Arts
Ideazione Manfred Trenz
Data di pubblicazione 1990
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Amiga, Commodore 64, Amstrad CPC, Game Boy, Atari ST, TurboGrafx 16, ZX Spectrum, CDTV, PC Engine, NES, SNES, Mega Drive, Microsoft Windows, MS-DOS, Game Boy Color, Telefono cellulare, J2ME
Distribuzione digitale Virtual Console
Supporto Floppy disk, cassetta, cartuccia
Periferiche di input Tastiera, joystick, gamepad
Seguito da Turrican II: The Final Fight

Turrican è un videogioco a piattaforme sviluppato da Manfred Trenz per Commodore 64 nel 1990, e in seguito portato su diverse altre piattaforme. Il videogioco è caratterizzato da un elevato numero di nemici e armi potenziabili, ispirato in alcuni dettagli a Metroid ed in altri a Psycho-Nics Oscar.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'ormai perduta colonia di Alterra è un mondo abitabile interamente plasmato dal genio umano, abbandonato in una galassia vicina molto tempo fa. In realtà, Alterra è composta da ben cinque colonie in una. Ogni colonia possiede un proprio habitat indipendente, separato tramite bio-ingegneria dagli altri per mezzo di un potente generatore di ecosistemi conosciuto come Multiple Organism Unit Link (Unità di Connessione di Multipli Organismi) ed abbreviato nell'acronimo MORGUL. I primi coloni usarono MORGUL per plasmare Alterra e renderlo un pianeta abitabile ma, in seguito, un terremoto di proporzioni apocalittiche danneggiò tutte le funzioni delle infrastrutture di MORGUL, che impazzì ribellandosi ai suoi creatori. I pochi fortunati coloni sopravvissuti raccontarono la terribile storia di un'intelligenza artificiale superiore completamente impazzita e fuori controllo.

Per intere generazioni l'umanità ha sognato un ritorno su Alterra. Infine, l'ingegneria genetica ha potuto dare vita ad un salvatore: Turrican, un guerriero mutante, progettato per essere la forma di vita sintetica perfetta per riottenere il controllo sul Pianeta. Nel frattempo, MORGUL ha sistematicamente mutato ogni forma di vita presente su Alterra in modo da rispecchiare i suoi folli e brutali intenti distruttivi ed omicidi. La sfida di Turrican sarà quella di eliminare ogni organismo ostile presente nelle cinque colonie di Alterra, ognuna simile ad un mondo a sé e dotata di un ecosistema completamente diverso dalle altre e, infine, distruggere le tre facce di MORGUL.

Armi a disposizione[modifica | modifica sorgente]

Il giocatore ha diverse armi a sua disposizione:

  • Multiple shot, sparo a ventaglio potenziabile tre volte.
  • Laser, la più potente ma a gittata limitata, potenziabile tre volte.
  • Raggio rotatorio, tenendo premuto il tasto di fuoco viene attivato e colpisce i nemici ruotandolo in un raggio di 180°.
  • Power lines, due linee energetiche partono dal centro dello schermo e muovendosi a destra e sinistra inceneriscono qualsiasi nemico.
  • Bombe a grappolo, esplodono all'impatto e ripuliscono il quadro da tutti i nemici.
  • Mine, si attivano abbassando il personaggio ed esplodono subito dopo. Utili contro i nemici fissi e immobili.

Commento[modifica | modifica sorgente]

L'azione di gioco frenetica, la grafica all'avanguardia per quel periodo e le musiche di un artista affermato, Chris Hülsbeck, lo resero un gioco di successo e un classico della piattaforma Amiga. Tra le musiche del gioco, almeno nella versione Commodore 64, degna di nota è la "Title theme (Subsong 2)", palese riarrangiamento chiptuned di "Escape", soundtrack composta e prodotta da Vince DiCola per il lungometraggio di animazione Transformers - The movie, film del 1986.
Una delle caratteristiche che lo hanno reso famoso è la presenza di moltissime aree segrete che consentono uno stile di gioco non totalmente lineare, anche grazie alla dimensione elevata delle mappe.

Il primo episodio è stato programmato interamente dal solo Trenz su Commodore 64, piattaforma su cui riuscì a mostrare capacità grafiche che si ritenevano fino a quel momento impossibili; contemporaneamente Factor 5 realizzò la conversione su Amiga.

La serie[modifica | modifica sorgente]

Visto l'elevato successo del gioco, sono stati realizzati alcuni seguiti: Turrican II: The Final Fight (1991), Mega Turrican (1993, Mega Drive, la conversione amiga è intitolata Turrican 3: Payment Day); Super Turrican e Super Turrican 2 (1993 e 1994, entrambi per Super Nintendo). Trenz ha lavorato sulla versione a 8-bit di The Final Figtht, mentre tutti gli altri sono ad opera di Factor 5.

Alla fine degli anni '90 era in fase di realizzazione un ulteriore capitolo, dal titolo Turrican 3D e dotato della terza dimensione, ma il suo sviluppo è stato interrotto.[2] Il 24 aprile 2007 Julian Eggebrecht, produttore di Turrican e leader di Factor 5, in un'intervista sul sito web di gamasutra, ha annunciato un possibile seguito alla saga.

Nel marzo 2013 in rete è uscita una notizia, ancora non ufficiale, di un nuovo capitolo alla serie, Turrican Rebirth disponibile per sistemi di nuova generazione.[3]

Fan Projects[modifica | modifica sorgente]

In seguito alla popolarità del gioco, molti programmatori hanno sviluppato diversi fan-games basati su Turrican. I più famosi sono:

  • Turrican 2002 o T2002
  • T4 funeral
  • Hurrican
  • Turrican 32k
  • Windstille
  • Gunlord

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista in tedesco sui giochi che hanno ispirato Turrican
  2. ^ Turrican 3D
  3. ^ Notizia su Turrican Rebirth

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi