Trisillabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Ternario" rimanda qui. Se stai cercando il sistema di numerazione in base 3, vedi Sistema ternario.

Nella metrica italiana, il trisillabo (detto anche ternario) è un verso che conta di solito tre sillabe

Se l'accento si trova sulla seconda sillaba, quindi se l'ultima parola è piana, il verso comprende regolarmente tre sillabe; se invece la parola è tronca o sdrucciola avremo ha rispettivamente due oppure quattro. Gli accenti metrici sono pertanto _ ' _.

Esempi di versi trisillabi[modifica | modifica wikitesto]

Questo verso è molto raro in italiano e lo si trova generalmente frammischiato ad altri versi più lunghi. Palazzeschi lo apprezzò e ne fece uso assai spesso. Non si scambino per trisillabi, però, i versi con cui inizia, ad esempio, Lasciatemi divertire, che fa:

« Tri tri tri,
fru fru fru,
uhì uhì uhì,
ihù ihù ihù. »

perché l'ultima sillaba di ciascuno è tronca, cioè dotata di accento tonico: trattasi dunque di quaternari.