Tripterygion delaisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peperoncino giallo
Tripterygion delaisi.jpg
Maschio di T. delaisi in livrea riproduttiva
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Tripterygiidae
Genere Tripterygion
Specie T. delaisi
Nomenclatura binomiale
Tripterygion delaisi
Cadenat & Blache, 1970
Sinonimi

Tripterygion atlanticus
Wheeler & Dunne, 1975
Tripterygion xanthosoma
Zander & Heymer, 1970

Sottospecie

Tripterygion delaisi, conosciuto comunemente come peperoncino giallo, è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Tripterygiidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nell'Oceano Atlantico orientale, dalla Gran Bretagna al Senegal, ed è presente anche nel Mar Mediterraneo. Abita fondali duri delle acque costiere, fino a 40 metri di profondità.

Etimologia del nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome comune di peperoncino giallo deriva dalla livrea maschile assunta durante il periodo riproduttivo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimorfismo sessuale molto marcato: la livrea maschile durante il periodo riproduttivo è giallo accesa con il capo nero, la femmina è invece da marrone scuro a molto chiaro, con fasce chiare. Normalmente la colorazione è bruno chiara, con 5 bande scure, la testa bruno nel maschio. Le pinne sono bordate in azzurro, la dorsale divisa in tre parti.
Raggiunge una lunghezza massima di 9 cm.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

Molto schivo e sospettoso.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La riproduzione avviene tra maggio e luglio; il maschio attrae la femmina effettuandole attorno una danza a 8.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di invertebrati.

Specie affini[modifica | modifica sorgente]

Molto simile al peperoncino (T. tripteronotus) e al peperoncino minore (T. melanurus).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Domingues, Vera; Almada, Vitor; Santos, Ricardo; Brito, Alberto; Bernardi, Giacomo, Phylogeography and evolution of the triplefin Tripterygion delaisi (Pisces, Blennioidei) in Marine Biology, vol. 150, nº 3, Springer), 2007, pp. 509-519, DOI:10.1007/s00227-006-0367-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, 2004ª ed., Milano, Il Castello, 2004, ISBN 88-8039-395-2.
  • Patrick Louisy in Trainito, Egidio (a cura di), Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci