Triptasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Triptasi
Modello tridimensionale dell'enzima
Struttura della β-triptasi
Numero EC 3.4.21.59
Classe Idrolasi
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB

La triptasi è un enzima prodotto unicamente nei granuli del citoplasma dei mastociti, utilizzato come indicatore di infiammazione e attivazione di questi leucociti[1][2]. Viene rilasciata durante episodi allergici dai mastociti, insieme ad altre sostanze come leucotrieni, prostaglandina e istamina. Il suo dosaggio risulta più efficace di quello dell'istamina nel valutare la gravità della reazione immunitaria, in quanto la sua concentrazione plasmatica correla direttamente con la gravità delle manifestazioni cliniche[3]. L'aumento repentino dei livelli ematici e suggestivo di un episodio di anafilassi[4]. Il suo dosaggio viene utilizzato a fini diagnostici anche nella mastocitosi sistemica[5].

Isoforme[modifica | modifica sorgente]

Esistono numerose isoforme dell'enzima: finora sono state identificate le triptasi alfa, beta, gamma e delta[6].

α-triptasi[modifica | modifica sorgente]

L'α-triptasi, o triptasi basale, in condizioni normali, si trova nel sangue a basse concentrazioni; il suo dosaggio è legato al numero dei mastociti e può essere utilizzato per l'individuazione della mastocitosi sistemica, che deve però essere confermata da un esame istologico[5][7]. Nel caso della mastocitosi cutanea i livelli ematici possono rimanere stabili o variare, pertanto non risultano un buon marker di malattia[8].

β-triptasi[modifica | modifica sorgente]

La β-triptasi viene liberata in ambito di shock anafilattico. La misurazione del livello della triptasi nel corso di uno shock anafilattico deve essere eseguito in 1-2 ore dall'accertamento della patologia con ripetizione dell'esame dopo qualche giorno per confermare il rientro della reazione anafilattica[9].

Triptasi ed anafilassi[modifica | modifica sorgente]

La concentrazione totale della triptasi sierica aumenta dopo una grave anafilassi e le reazioni anafilattoidi[10].Tuttavia l'aumento dei livelli di triptasi totale non sempre correla con un aumento dei livelli di istamina. I livelli di triptasi tendono ad aumentare maggiormente nelle reazioni anafilattiche gravi piuttosto che in quelle lievi-moderate. Van der Linden ha evidenziato come nelle punture di insetto l'aumento nei livelli sierici di triptasi correli con l'ipotensione[11]. Di conseguenza livelli normali di triptasi non escludono l'anafilassi, ma una anafilassi grave è certamente meno probabile se il campione è stato prelevato entro poche ore dall'insorgenza dei sintomi. Una maggiore specificità nella diagnosi di anafilassi potrebbe derivare dalla misurazione non solo della triptasi totale (pro-β e pro-α triptasi più β triptasi matura) ma anche della sola β triptasi matura[12].

I geni della triptasi[modifica | modifica sorgente]

Tutti i geni noti che codificano la triptasi dei mastociti umani si trovano in un cluster ristretto in corrispondenza dell'estremità del braccio corto del cromosoma 16,[13][14] contenente TPSAB1 (alleli α e beta1 ), TPSB2 (alleli beta2 e β3), TPSD1 (alleli Δ delta), e TPSG1 (alleli γ gamma). Attualmente, non vi è evidenza di un ruolo biologico svolto dalla triptasi δ . Solo le triptasi alfa e β sono suscettibili di contribuire a livelli di triptasi circolanti e alle caratteristiche sistemiche di anafilassi[12].

Altre patologie[modifica | modifica sorgente]

Alti e costanti livelli di triptasi possono indicare altre patologie, come la leucemia mieloide acuta[15] e le sindromi mielodisplastiche[16].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tanaka T, McRae BJ, Cho K, Cook R, Fraki JE, Johnson DA, Powers JC, Mammalian tissue trypsin-like enzymes. Comparative reactivities of human skin tryptase, human lung tryptase, and bovine trypsin with peptide 4-nitroanilide and thioester substrates in J. Biol. Chem., vol. 258, nº 22, novembre 1983, pp. 13552–7, PMID 6358206.
  2. ^ Vanderslice P, Ballinger SM, Tam EK, Goldstein SM, Craik CS, Caughey GH, Human mast cell tryptase: multiple cDNAs and genes reveal a multigene serine protease family in Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A., vol. 87, nº 10, maggio 1990, pp. 3811–5, DOI:10.1073/pnas.87.10.3811, PMC 53993, PMID 2187193.
  3. ^ Dammacco, op. cit., pp. 421, 1995.
  4. ^ Valent P, Horny HP, Triggiani M, Arock M, Clinical and laboratory parameters of mast cell activation as basis for the formulation of diagnostic criteria in Int. Arch. Allergy Immunol., vol. 156, nº 2, 2011, pp. 119–27, DOI:10.1159/000323763, PMID 21576982.
  5. ^ a b Johnson MR, Verstovsek S, Jorgensen JL, et al., Utility of the World Heath Organization classification criteria for the diagnosis of systemic mastocytosis in bone marrow in Mod. Pathol., vol. 22, nº 1, gennaio 2009, pp. 50–7, DOI:10.1038/modpathol.2008.141, PMID 19116630.
  6. ^ MeSH
  7. ^ Schwartz LB, Sakai K, Bradford TR, et al., The alpha form of human tryptase is the predominant type present in blood at baseline in normal subjects and is elevated in those with systemic mastocytosis in J. Clin. Invest., vol. 96, nº 6, dicembre 1995, pp. 2702–10, DOI:10.1172/JCI118337, PMC 185977, PMID 8675637.
  8. ^ Castells M, Metcalfe DD, Escribano L, Diagnosis and treatment of cutaneous mastocytosis in children: practical recommendations in Am J Clin Dermatol, vol. 12, nº 4, agosto 2011, pp. 259–70, DOI:10.2165/11588890-000000000-00000, PMID 21668033.
  9. ^ Fukuoka Y, Schwartz LB, Active monomers of human beta-tryptase have expanded substrate specificities in Int. Immunopharmacol., vol. 7, nº 14, dicembre 2007, pp. 1900–8, DOI:10.1016/j.intimp.2007.07.007, PMC 2278033, PMID 18039527.
  10. ^ Schwartz LB, Metcalfe DD, Miller JS, Earl H, Sullivan T. Tryptase levels as an indicator of mast-cell activation in systemic anaphylaxis and mastocytosis. N Engl J Med. 1987;316:1622–6
  11. ^ Van der Linden PW, Hack CE, Poortman J, Vivie-Kipp YC, Struyvenberg A, et al. Insect-sting challenge in 138 patients: relation between clinical severity of anaphylaxis and mast cell activation. J Allergy Clin Immunol. 1992;90:110–8
  12. ^ a b Caughey GH. Tryptase genetics and anaphylaxis. J Allergy Clin Immunol. 2006 Jun;117(6):1411-4. Epub 2006 Apr 27.
  13. ^ Caughey GH. New developments in the genetics and activation of mast cell proteases. Mol Immunol. 2002;38:1353–7
  14. ^ Pallaoro M, Fejzo MS, Shayesteh L, Blount JL, Caughey GH. Characterization of genes encoding known and novel human mast cell tryptases on chromosome 16p13.3. J Biol Chem. 1999;274:3355–62.
  15. ^ Diamond HR, Ornellas MH, Orfao A, et al., Acute myeloid leukemia of donor origin after allogeneic stem cell transplantation from a sibling who harbors germline XPD and XRCC3 homozygous polymorphisms in J Hematol Oncol, vol. 4, 2011, p. 39, DOI:10.1186/1756-8722-4-39, PMC 3197559, PMID 21951951.
  16. ^ Valent P, Orazi A, Büsche G, et al., Standards and impact of hematopathology in myelodysplastic syndromes (MDS) in Oncotarget, vol. 1, nº 7, novembre 2010, pp. 483–96, PMC 3248141, PMID 21317447.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]