Trioceros melleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Trioceros melleri
Mellers.chameleon.bristol.zoo.arp.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Iguania
Famiglia Chamaeleonidae
Sottofamiglia Chamaeleoninae
Genere Trioceros
Specie T. melleri
Nomenclatura binomiale
Trioceros melleri
(Gray, 1865)
Sinonimi

Ensirostris melleri
Gray, 1865
Chamaeleo melleri
(Gray, 1865)

Trioceros melleri (Gray, 1865) è un sauro della famiglia Chamaeleonidae, diffuso in Africa orientale.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un camaleonte di grossa taglia che può superare i 50 cm di lunghezza e i 400 g di peso. Le femmine sono leggermente più piccole dei maschi, ma per il resto indistinguibili da questi. Presentano un piccolo corno rostrale ed una pronunciata cresta dorsale. La livrea è di colore grigio-verde, con strie giallastre e granulazioni nere sparse.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti e talora anche di piccoli uccelli.[2]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È una specie ovipara.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Trioceros melleri è diffuso in Tanzania, Malawi e Mozambico; è la specie del genere Trioceros con l'areale più meridionale.[1][3]

Il suo habitat tipico è la savana.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Trioceros melleri in The Reptile Database. URL consultato il 13 luglio 2013.
  2. ^ a b c Meller's Chameleon in National Geographic. URL consultato il 13 luglio 2013.
  3. ^ a b Tilbury CR & Tolley KA, A re-appraisal of the systematics of the African genus Chamaeleo (Reptilia: Chamaeleonidae) in Zootaxa, vol. 2079, 2009, pp. 57–68.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tilbury, C. 2010. Chameleons of Africa: An Atlas, Including the Chameleons of Europe, the Middle East and Asia. Edition Chimaira, Frankfurt.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]