Trioceros

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Trioceros
Mellers.chameleon.bristol.zoo.arp.jpg
Trioceros melleri
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Iguania
Famiglia Chamaeleonidae
Sottofamiglia Chamaeleoninae
Genere Trioceros
Swainson, 1839
Specie

vedi testo

Trioceros Swainson, 1839 è un genere di sauri della famiglia Chamaeleonidae, diffuso nell'Africa tropicale.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Primo piano di Trioceros jacksonii


Questo genere è caratterizzato dalla presenza di corni ossei talora molto vistosi, carattere che pur non essendo presente in tutte le specie, può essere considerato una sinapomorfia del genere. In alcune specie sono presenti anche dei pronunciati lobi occipitali, pliche cutanee all'apparenza simili ad orecchie, ma non correlate con l'organo dell'udito.[1]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Il genere comprende sia specie ovovivipare (p.es T. affinis, T. bitaeniatus e T. werneri), che specie ovipare (p.es T. cristatus e T. melleri).[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il genere è ampiamente diffuso nell'Africa tropicale, spingendosi a sud sino a Mozambico e Malawi (T. melleri) e a nord sino all'Etiopia (T. affinis)[1].

L'habitat tipico della maggior parte delle specie è la foresta tropicale umida.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Questo raggruppamento, considerato in passato un sottogenere del genere Chamaeleo, è stato elevato al rango di genere da Tilbury & Tolley nel 2009.[1]

Comprende le seguenti specie:[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Tilbury CR & Tolley KA, A re-appraisal of the systematics of the African genus Chamaeleo (Reptilia: Chamaeleonidae) in Zootaxa, vol. 2079, 2009, pp. 57–68.
  2. ^ Trioceros in The Reptile Database. URL consultato il 3 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]