Trio d'archi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Trio Broz durante un concerto per l' Harare Festival of Arts 2008.

Un trio d'archi è un gruppo di tre strumenti a corda o un pezzo scritto per un tale gruppo. Il termine viene generalmente usato con riferimento ad opere di musica da camera dal periodo classico ai giorni nostri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La più antica forma di trio d'archi era costituita da due violini e un violoncello, ensemble tipico per l'esecuzione delle trio-sonate barocche.

Successivamente si diffuse maggiormente il trio formato da violino, viola e violoncello: a partire dalla seconda metà del 18 ° secolo, anche se la configurazione del trio per due violini e violoncello non era del tutto abbandonato la formazione violino-viola-violoncello ha cominciato a prevalere. Joseph Haydn sembra essere stato il primo compositore ad usare questa combinazione (Tilmouth e Smallman 2001). Scrivere per trio violino-viola-violoncello offre una gamma ampia di materiali e colori per un compositore esperto. La strumentazione più snella (rispetto al quartetto d'archi più comune) pone anche sfide compositive specialmente all'interno di una tradizione musicale caratterizzata da una scrittura armonica a quattro parti. Nei secoli 19 ° e 20° , dopo Mozart e Beethoven, raccolsero questa sfida compositori come Lennox Berkeley, Carlos Chávez, Henry Cowell, Jean Cras, Paul Dessau, Ernst von Dohnanyi, Hanns Eisler, Jean Françaix, Heinrich von Herzogenberg, Paul Hindemith, Gideon Klein, Martin Frank, Bohuslav Martinu, Darius Milhaud, Moeran John Ernest, Manuel Ponce, Max Reger, Alexis Roland-Manuel, Miklós Rózsa, Arnold Schoenberg, Franz Schubert, Schuman William, Jean Sibelius, Robert Simpson, Richard Strauss, Sergej Taneyev, Heitor Villa-Lobos, Anton Webern, e Eugène Ysaÿe.

Più di recente, notevoli trii d'archi sono stati scritti da Murray Adaskin, Luis Bacalov, Alain Bancquart, Robert Carl, Pascal Dusapin, Donald Erb, Karlheinz Essl, Brian Ferneyhough, Berthold Goldschmidt, Sofia Gubaidulina, Bertold Hummel, Talivaldis Kenins, Ernst Krenek, Helmut Lachenmann, Paul Marić Ljubica Lansky, Krzysztof Meyer, Krzysztof Penderecki, Peterson Wayne, Wolfgang Rihm, Boguslaw Schaeffer, Alfred Schnittke, Karlheinz Stockhausen, Waterhouse Graham, Charles Wuorinen, La Monte Young, Iannis Xenakis, e Zwilich Ellen Taaffe.

Mentre il trio d'archi è certamente più raro di quartetto d'archi, ci sono stati e continuano ad esserci ensemble dedicato alla esecuzione e la registrazione del repertorio trio d'archi.

Altri tipi più insoliti di trii d'archi sono i trii di Wolfgang Amadeus Mozart per due violini e contrabbasso, e quelli di Antonín Dvořák e Frank Bridge trii per due violini e viola. Quest'ultimo tipo di trio è conosciuto anche come un terzet o terzetto; altri che hanno scritto trii per questa combinazione sono Robert Fuchs (tre, due nel suo opus 61 e uno nel suo opus 107) e Sergei Taneyev (la sua op. 21). Wilhelm Killmayer ha scritto un trio (1975) per la combinazione simile di due violini e violoncello e Stefan Hakenberg ha segnato il terzo movimento della mappa di spostamento (2002), dal titolo "Monochrome", per questa combinazione.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Celebri trii d'archi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Trio Grumiaux
  • Il Trio italiano d'archi
  • Il trio Archibudelli
  • Il Trio Perlmann-Zuckermann-Harrell

Trii d'archi contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

  • Trio AnPaPié
  • Belcanto Strings
  • Trio broz
  • Dresdner String Trio
  • Faure String Trio
  • Jade string trio
  • Leopold String Trio
  • Pluck String trio
  • Trio della Scala
  • Trio Hegel
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica