Tricoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gemma e scapo della specie Stylidium. Sono mostrati tricomi che possono intrappolare e uccidere gli insetti.

I tricomi, dal greco "crescita di peli", sono sottili escrescenze o appendici di piante e protisti. I tricomi possono avere strutture e funzioni diverse, alcuni esempi sono i capelli o i peli, peli ghiandolari, squame e papille; (peli e papille hanno importanza farmacognostica).

Tricomi assorbenti[modifica | modifica sorgente]

Il tricoma assorbente può essere chiamato anche tricopompa dal botanico tedesco Mez (1904). È la chiave di volta per l'epifitismo delle specie del genere Tillandsia.

Il tricoma delle Tillandsia è una struttura pluricellulare a forma di chiodo: composta da uno scudo a sviluppo orizzontale che si sovrappone all'epidermide fogliare e di un asse verticale che penetra nel mesofillo a diretto rapporto con esso. L'acqua che entra in contatto con la foglia viene assorbita dalla cellule periferiche dello scudo (queste sono morte e quindi piene d'aria) e da queste passa a quelle centrali per poi essere trasportata per tutto l'organismo.

La frequenza dei tricomi sull'epidermide e lo sviluppo del loro scudo variano da specie a specie contribuendo a condizionarne l'ambiente.

Quando la pianta è asciutta gli scudi dei tricomi tengono i bordi (ali) sollevati tanto da impartire alla foglia un colore grigio ben visibile all'occhio, quando essa viene bagnata le ali scendono aderendo alla superficie fogliare che riacquista il verde brillante.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]