Tribunale amministrativo delle Nazioni Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Tribunale amministrativo delle Nazioni Unite (TANU, in inglese UNAT, United Nations Administrative Tribunal) è un organo giurisdizionale dell'ONU che ha il compito di dirimere le controversie che possono sorgere tra l'organizzazione ed i suoi funzionari, ovvero i componenti del segretariato, organo amministrativo dell'ONU.

Il tribunale è stato fondato nel 1949, tramite la risoluzione 351 del 24 novembre, nel corso della IV sessione dell'Assemblea generale.[1] I membri sono sette, eletti per quattro anni dall'Assemblea generale (al massimo è previsto un solo reincarico). Non sono ammessi due o più giudici della stessa nazionalità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lo Statuto del Tribunale amministrativo delle Nazioni Unite, adottato con risoluzione 351 A (IV) 24 novembre 1949 e successivamente modificato. URL consultato il 26 giugno 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Zanghì, Diritto delle Organizzazioni internazionali, Torino, Giappichelli, 2001, p. 211, ISBN 88-348-1203-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite