Triboci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Triboci
Mappa delle tribù germaniche (Nell'ovale rosso i Triboci)

I Triboci, che probabilmente appartenevano alla grande famiglia dei Suebi nonostante il nome celtico, insieme ai Vangioni e ai Nemeti[1] (anche questi due popoli di nome celtico)[2] abitavano probabilmente già al tempo di Cesare sulla sinistra del Reno, o al di qua o al di là del fiume. In seguito, come attestano le fonti, i Nemeti si trovavano nella bassa Alsazia, nell'area di Strasburgo, mentre i Vangioni e i Nemeti erano attestati lungo il Reno fino alla zona di Mogontiacum (Magonza). Al tempo di Augusto furono riuniti in un'unica organizzazione, e confinavano a ovest coi Leuci, i Mediomatrici e i Treviri, fungendo da stato cuscinetto tra Galli e Germani[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare, La Guerra Gallica I 51'
  2. ^ Cesare, La Guerra Gallica, trad. di Adriano Pennacini e note di Albino Garzetti, nota 4 pag. 479, Einaudi Tascabili, 1996
  3. ^ Tacito, Germania 28