Triaenodon obesus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo pinna bianca del reef
Whitetip reef shark.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Carcharhiniformes
Famiglia Carcharhinidae
Genere Triaenodon
Müller & Henle, 1837
Specie T. obesus
Nomenclatura binomiale
Triaenodon obesus
Rüppel, 1927
Sinonimi

Carcharias obesus

Nomi comuni

Squalo pinna bianca del reef (o "di scogliera")

Areale

Triaenodon obesus distmap.png

Lo squalo pinna bianca del reef (Triaenodon obesus Rüppel, 1927) è uno squalo, spesso confuso con lo squalo oceanico pinna bianca (Carcharhinus longimanus), da cui si differenzia per molti elementi tra cui l'aspetto morfologico e un differente habitat. Questa specie è l'unica del genere Triaenodon.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il colore bianco delle estremità delle due pinne dorsali e di quella caudale contraddistinguono questo squalo e ne caratterizzano il nome, la superficie ventrale è di colore grigio chiaro o argentato, mentre quella dorsale è solitamente grigio-bruna. Un esemplare adulto può raggiungere i 210 cm di lunghezza.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Si può incontrare a profondità comprese tra la superficie e i 40 metri, talvolta è possibile notare esemplari a riposo in grotte o fondali sabbiosi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Mar Rosso, Oceano indiano e pacifico.

Biologia e comportamento[modifica | modifica sorgente]

Di carattere abitudinario, si nutre prevalentemente di pesci e crostacei e in genere caccia durante le ore notturne. Per quanto riguarda la riproduzione, le femmine partoriscono da 1 a 5 piccoli che alla nascita misurano mediamente 50 cm.

A causa della sua indole timida non è considerato pericoloso per subacquei e natanti, nonostante ciò è sconsigliato avvicinarsi troppo poiché lo squalo, sentendosi minacciato, potrebbe attaccare per autodifesa.

Può vivere per 25 anni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci