Treveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ricostruzione di un villaggio di Treveri ad Altburg, Bundenbach
Treveri
Mappa delle tribù germaniche (Nell'ovale rosso i Treveri)

I Treveri erano una potente tribù della Gallia Belgica, stanziata al nord est della Gallia, lungo le due sponde della Mosella, nel territorio ove sorse la città di Treviri, confinante col territorio dei Belgi Atuatuci a nord; con il territorio dei Vangioni, dei Nemeti e dei Germani Ubi ad est; con il territorio dei Mediomatrici a sud; con il territorio dei Belgi Remi ad ovest.

Sebbene il popolo fosse originariamente germanico[1], in seguito al lungo insediamento in Gallia accolse elementi celtici, che si fusero al ceppo primario. Di loro parla Giulio Cesare nel De bello Gallico (1.37.1), essi furono in campo con Induziomaro contro Tito Labieno e Cesare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, Il Mulino, Bologna 1997, p. 439.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]