Tremal-Naik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tremal-Naik
Saga Ciclo indo-malese
Autore Emilio Salgari
1ª app. in I misteri della jungla nera
Ultima app. in La caduta di un impero
Interpretato da
Voce orig.
Sesso Maschio
Etnia Bengalese
Parenti
  • Ada Corishant (compagna)
  • Darma (figlia)

Tremal-Naik è un personaggio ideato dal romanziere Emilio Salgari.

Compare per la prima volta nel romanzo I misteri della jungla nera (pubblicato a puntate nel 1887 come Gli strangolatori del Gange, raccolto in volume nel 1895).

Tremal-Naik è un indiano bengalese che vive nella giungla in compagnia della sua tigre Darma, e lotta contro i thugs, una spietata setta di assassini; conoscerà poi Sandokan e Yanez de Gomera intraprendendo con loro numerose avventure.

Nelle opere di Salgari[modifica | modifica sorgente]

« Quel chiarore, che spiccava vivamente sul fondo oscuro del cielo, con effetto fantastico, illuminava una vasta e solida capanna di bambù, ai piedi della quale dormiva, avvolto in un gran dootèe di chites stampato un indiano d’atletica statura, le cui membra sviluppatissime e muscolose, dinotavano una forza non comune ed un’agilità di quadrumane. Era un bel tipo di bengalese, sui trent’anni, di tinta giallastra ed estremamente lucida, unta di recente con olio di cocco, aveva bei lineamenti labbra piene senz’essere grosse e che lasciavano intravvedere un’ammirabile dentatura; naso ben tornito, fronte alta, screziata di linee di cenere, segno particolare dei settari di Siva. Tutto l’insieme esprimeva una energia rara ed un coraggio straordinario, di cui mancano generalmente i suoi compatriotti. »
(Prima descrizione del personaggio, Emilio Salgari, I misteri della jungla nera[1].)

Tremal-Naik è un uomo dal fisico imponente e statuario e dall'altezza elevata (cinque piedi e sei pollici[2]), e si presenta anche di bell'aspetto; Yanez, appena lo vede la prima volta, afferma di non aver incontrato un uomo di colore, così bello e così vigoroso.[2] L'unico che potesse superarlo in bellezza era sicuramente Sandokan[2]. Rappresenta, come Sandokan, il tipico eroe salgariano: coraggioso, indomito, spesso anche avventato, che si lascia trascinare dall'amore ma anche dalla vendetta, e nonostante tutto lotta per il bene.

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Negli anni settanta, l'attore indiano Ganesh Kumar interpretò Tremal-Naik sul piccolo schermo nello sceneggiato Sandokan del 1976, prodotto dalla Rai[3]. Lo sceneggiato si rivelò un grandissimo successo e spinse gli autori a ideare un seguito dal titolo La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa!, sempre interpretato da Kumar. In entrambi i film, l'attore è doppiato in italiano da Cesare Barbetti[4][5].

Nelle serie a cartoni animati della Mondo TV, Tremal-Naik è doppiato da Fabrizio Picconi[6], e come Sandokan appare più giovane rispetto alla sua controparte del romanzo ed è il fratello maggiore di Kamamuri.

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]