Trebbiantico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trebbiantico di Pesaro
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Comune Pesaro-Stemma.png Pesaro
Territorio
Coordinate 43°52′20″N 12°56′34″E / 43.872222°N 12.942778°E43.872222; 12.942778 (Trebbiantico di Pesaro)Coordinate: 43°52′20″N 12°56′34″E / 43.872222°N 12.942778°E43.872222; 12.942778 (Trebbiantico di Pesaro)
Abitanti 1 194 (2013)
Altre informazioni
Cod. postale 61122
Prefisso 0721
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti trebbianticani
Patrono san Giuliano
Giorno festivo 2a domenica di luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Trebbiantico di Pesaro
Chiesa di San Giuliano Martire
Fonte Sajano
Memoriale del Parco Esuli Giuliano-Dalmati

Trebbiantico è un piccola frazione situata a circa 2,5  km da Pesaro e a poche decine di metri dal confine con il comune di Fano. Il paese è circondato dal verde delle lussureggianti colline che scendono dolcemente verso il mare Adriatico. Dal nuovo agglomerato che sovrasta il paese si può godere di una vista unica, ed è possibile osservare tutto l'entroterra pesarese e fanese, tutta la costa della provincia, nonché Ancona ed il monte Catria.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo gli ultimi dati dell'Annuario demografico del Comune di Pesaro (anno 2013) la popolazione di Trebbiantico ammonta a 1.194 abitanti, crescendo notevolmente negli ultimi 15 anni con la realizzazione di una nuova area residenziale. L'età media dei residenti è di 41,9 anni, una delle più basse delle frazioni collinari. Dividendo la popolazione in fasce d'età si nota che i residenti fra 0 e 5 anni sono circa il 7,5% del totale, i residenti fra i 6 e i 14 anni sono circa il 9,5% della popolazione mentre i residenti che hanno un'età superiore ai 65 anni sono circa il 18,5% del totale. Infine, i residenti stranieri della frazione sono il 5,5% circa della popolazione.

Sviluppo Urbano[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il paese di Trebbiantico (in latino Trivium Antiquum) è sorto in epoca romana in corrispondenza di un importante trivium, da qui l'origine stessa del nome. Le prime notizie del luogo risalgono al I secolo a.C. è indicavano il punto in cui una strada proveniente da Pesaro si congiungeva alla via Flaminia voluta dai romani per aggirare la città. Con il tempo intorno al trivio si sviluppò un piccolo insediamento urbano che prese il nome di Trebbiantico. Oggigiorno questo "ameno villaggio posto a cavaliere di un poggio ridente" è considerato un piacevole luogo di villeggiatura.

Edifici e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Fatta costruire dalla famiglia Cattani all'inizio della seconda metà del '600, questa villa raggiunge il suo massimo splendore nella prima metà del '700 in quanto ″usata″ dal Cardinale fiorentino Alemanno Salviati, delegato pontificio delle province di Pesaro e Urbino nel periodo 1717-1732, quale residenza di campagna per sé e per i suoi ospiti. Fra questi vi fu nel 1726 Giacomo III Stuart (come si legge in latino sulla lapide posta sopra il portone d'ingresso della villa) che si fregiava ancora del titolo di Re d'Inghilterra, riconosciutogli dalla Chiesa Cattolica. Nel suo interno si possono ammirare sui soffitti affreschi di Nicolò Berrettoni, allievo del Cantarini e del Maratti (o Maratta). Attraverso una galleria si accede ad una piccola cappella, dove il Cardinale Salviati usava ritirarsi in preghiera; gli arredi che l'adornavano sono andati in parte perduti nel tempo. Nel 1911, la scrittrice Clarice Tartufari nel suo romanzo "Eterne leggi" ambientato nel borgo di Trebbiantico, poteva scrivere: " ...a sinistra per l'intera lunghezza del borgo, una villa sontuosa sfoggiava la ornamentazione del suo muro di cinta e la maestosità dei suoi cancelli, di dove il giardino s'intravedeva variopinto di aiuole e lieto di zampilli".

  • Chiesa parrocchiale di San Giuliano Martire, consacrata nel 1730

La chiesa parrocchiale di Trebbiantico è intitolata a San Giuliano Martire. La data della sua fondazione non è certa ma già nell'anno 1290 viene citata nei registri delle “Rationes decimarum”. Nello stesso luogo della chiesa più antica ne fu ricostruita una nuova nell’anno 1730 e da quella data non ha più subito sostanziali modifiche se non quelle del 1970 quando l'interno fu adattato alle nuove disposizioni della liturgia. Importanti testimonianze di fede sono: il quadro, posto sopra l’altare, raffigurante la Madonna della Misericordia, sempre oggetto di culto da parte della popolazione locale e le tre tele del seicento che rappresentano la Madonna del Rosario, la Madonna del Carmine e la Madonna di Loreto con San Giuliano Martire e altri Santi.

  • Palazzo di Galantara o Villa Guerrini, esistente già dal 1734, ora è utilizzata come residenza sanitaria per anziani.

Nel 1649 Gabriele Galantara sposa la nobile signora Margarita Mosca di Pesaro: un matrimonio di rango che porta i due nobili a risiedere spesso a Pesaro. Con la sua cospicua dote, la sposa decide di acquistare una possessione vicino alla villa di Trebbioantico, nella parte superiore. La villa esiste già nel 1734 e viene costruita dai figli di Gabriele e Margarita. Con l'estinzione della famiglia Galantara inizia per il palazzo una nuova, felice stagione che ha come protagonista un'altra non meno importante famiglia, questa volta pesarese: I Guerrini. L'edificio si articola in due complessi, ognuno dei quali è servito da un lungo viale e forse da un ingresso autonomo. I due blocchi sono poi uniti tra loro da un lungo corpo o galleria e formare una figura a ferro di cavallo racchiudente il giardino. Tutt'intorno ben undici ettari di rigoglioso bosco rendono salubre l'aria e permettono alla non indifferente mole di inserirsi senza traumi nell'habitat naturale circostante. Poco prima del 1875 il palazzo subisce un ridimensionamento nella struttura, le due ali laterali vengono notevolmente ridotte e vengono ampliati i giardini. L'edificio oggi appartiene al comune di Pesaro ma col vincolo sanitario per la U.S.L. che deve obbligatoriamente utilizzare l'edificio per scopi assistenziali, come dalle volontà delle contesse Laura e Lucrezia Guerrini che lo hanno ceduto alla città. La struttura è oggi impiegata come residenza sanitaria ed assistenziale per anziani non autosufficienti o privi di assistenza familiare o domiciliare, oppure per anziani in terapia riabilitativa in seguito ad interventi di chirurgia ortopedica.[1].

  • Fonte di Sajano

Secondo quanto riportato da uno studio dell'ingegner Aldo Benvenuti, la fonte di Sajano appartiene al bacino imbrifero del Genica e con le sue acque alimentava il braccio del rio che confluisce nel tronco principale del torrente, all'altezza del cimitero. L″impatto inquinante della civiltà ha purtroppo eliminato la rinomata qualità delle acque (oggi non è più potabile), nota da millenni, e usata per dissetarsi già nel IX secolo a.C. dai Piceni, che avevano creato un loro insediamento proprio tra Novilara e Trebbiantico. "Si trattava di acqua purissima usata per fini medici, ottima per curare gotta e calcoli. Tra l'altro fu la prima acqua minerale imbottigliata della storia. Intuite le potenzialità alcuni imprenditori pesaresi la commercializzarono portandola fino alla fiera di Senigallia. La fonte ha funzionato fino al 1960 poi è caduta nell'oblio. Grazie alla minuziosa opera del centro operativo, e in particolare di Aroldo Pozzolesi, che ci ha lavorato con grande passione, è oggi stata restituita alla città ".

  • Parco Esuli Giuliano-Dalmati

Di recente realizzazione, il parco è dedicato ai tanti italiani assassinati dai soldati di Tito in Istria. Inaugurato il 10 febbraio 2004, la giornata della memoria istituita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, è l'unico monumento nel Comune di Pesaro dedicato alla memoria delle vittime giuliano-dalmate. All'interno del parco è presente, su di un piedistallo, un grosso masso di colore bianco, posto per ricordare simbolicamente una foiba, il luogo in cui tanti civili innocenti hanno trovato la morte, colpevoli solo di essere italiani.

Società sportive[modifica | modifica sorgente]

  • Associazione "Polisportiva Trebbiantico"

Strutture a carattere sociale[modifica | modifica sorgente]

  • Centro di Aggregazione per adolescenti "Dirinvagò"
  • Scuola dell'Infanzia "Cappuccetto rosso"
  • Residenza Sanitaria "Galantara"
  • Centro diurno alzheimer "Giardino dei ricordi"

Associazioni locali[modifica | modifica sorgente]

  • Associazione A.TRE.CON... (Associazione Trebbiantico CON...)

L'associazione si è costituita il 10 novembre 2000 grazie all'iniziativa di alcuni abitanti della frazione di Trebbiantico di Pesaro. L'idea dell'Associazione nasce da un gruppo di persone che da tempo si adoperavano per dar vita ad iniziative sociali di vario genere impegnandosi a trovare spazi ricreativi, animare attività sportive, tentare esperienze di aggregazione per bambini e adolescenti. In particolare la creazione del Centro di Aggregazione per minori "Dirinvagò", frutto di un patto di quartiere fra Genitori, Comune, Circoscrizione e Parrocchia, ha suscitato nuovi entusiasmi nella comunità di Trebbiantico. Nell'atto costitutivo, però, si sono voluti individuare scopi sociali che non riguardassero soltanto la gestione del Centro di Aggregazione ma che fossero aperti a iniziative sociali rivolte un po' a tutte le fasce più deboli della società per cercare di contribuire a migliorare la qualità della vita di tutti, nessuno escluso! È proprio in nome di questo principio che si sono costituiti due nuovi gruppi di volontari che operano nel campo dell'assistenza agli anziani e ai disabili. Un primo gruppo dal 2001 presta servizio presso la struttura di recupero “Galantara” di Trebbiantico e un secondo che nel 2005 ha iniziato a dar vita a una nuova attività di assistenza domiciliare per le persone anziane non autosufficienti.

  • Associazione A.R.I (Radioamatori-gruppo della protezione civile)

Persone legate a Trebbiantico[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] Pagina del "Galantara" sul sito dell'ASUR Marche, Zona Territoriale 1 (Marche nord).


Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche