Travaso (enologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Travaso (Enologia))

Il travaso è il trasferimento del vino da un contenitore all'altro, realizzato nel periodo della fermentazione e della maturazione per liberarlo dalle fecce e dai depositi solidi, onde prevenirne l'ossidazione indesiderata.

Primo travaso[modifica | modifica wikitesto]

È particolarmente importante l'effettuazione del travaso al termine della prima fermentazione (fermentazione alcolica) sia dei vini bianchi che dei vini rossi. Tale fermentazione ha durata variabile da qualche giorno a qualche settimana, in dipendenza della temperatura che mantiene il liquido.

Secondo travaso[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo travaso può essere realizzato dopo tre/cinque settimane circa in dipendenza sempre delle situazioni ambientali. All'effettuazione del travaso può essere aggiunta dell'anidride solforosa in quantità controllata per prevenire l'ossidazione del vino.

Altri travasi[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del primo anno vengono mediamente realizzati quattro o cinque travasi che si riducono a due/uno negli anni successivi (vini da invecchiamento). La gestione dei travasi si organizza in modo sostanzialmente diverso nella gestione industriale del vino dove essi sono condizionati o sostituiti da trattamenti diversi e complessi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici