Trattato di Stettino (1653)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ex Ducato di Pomerania (al centro) diviso fra Impero svedese e il Brandeburgo dopo il Trattato di Stettino del 1653. La Pomerania svedese è indicata in blu, quella brandeburghese) in arancione.

Il Trattato di Stettino del 1653 ((DE) Grenzrezeß von Stettin) del 4 maggio 1653[1] pose fine alle dispute fra il Brandeburgo e la Svezia, che entrambe reclamavano per sé la successione nel Ducato di Pomerania dopo l'estinzione del Casato di Pomerania, durante la guerra dei trent'anni.

Le pretese del Brandeburgo trovavano il loro fondamento nel Trattato di Grimnitz del 1529, mentre quelle della Svezia sul Trattato di Stettino del 1630.

Le due parti accettarono la spartizione del ducato, a quel momento controllato dagli svedesi, nella Pace di Vestfalia (1648) e con il Trattato di Stettino furono determinati i confini fra le due parti in cui fu spartita la Pomerania.

Le Pomerania Occidentale divenne Pomerania svedese, quella orientale divenne una provincia del Brandeburgo.

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

La Pomerania svedese (Vorpommern) nell'Impero svedese (verde). Le date indicano gli anni nei quali la Svezia acquisì e perse (in parentesi) i rispettivi territori.

Durante la guerra la Svezia occupò il Ducato di Pomerania (Trattato di Stettino del 1630).

L'ultimo duca di Pomerania, Boghislao morì nel 1637 senza eredi e, secondo il Trattato di Grimnitz del 1529, il ducato avrebbe dovuto essere incorporato nel Brandeburgo.[2]

Ciò tuttavia venne impedito di fatto dalla presenza militare degli svedesi.[3] La Pace di Vestfalia nel 1648 pose fine alla guerra dei trent'anni e la Pomerania venne spartita fra il Brandeburgo e la Svezia. Il trattato di Norimberga del 1650 definì approssimativamente i territori che dovevano essere posti sotto il controllo delle rispettive due potenze.

Il trattato[modifica | modifica sorgente]

La linea di confine precisa fra le due parti venne definita con il Trattato di Stettino del 1653, lungo una linea che correva ad est del fiume Oder. I territori ad ovest di tale linea (Pomerania Anteriore, compresa la città di Stettino) furono assegnati alla Svezia e denominati Pomerania svedese, mentre quelli ad oriente divennero invece una provincia del Brandeburgo. Metà degli introiti doganali della Pomerania Orientale rimasero un diritto degli svedesi anche dopo il loro ritiro.[1][4]

Il confine fu stabilito lungo quello fra Brandeburgo e Pomerania verso nord, lasciando Komturei Greifenhagen e Komturei Wildenbruch alla Svezia, correva quindi verso il lago di Woltin fra Wierow and Schönfeld, quindi proseguiva di qui verso nord fra Damerow e Greifenhagen, Klebow e Brünken, Hökendorf e Buchholz, quindi incontrava il fiume Plöne dal quale proseguiva attraverso la foresta di Friedrichswalde, attraversava il fiume Ihna, circondava Gollnow ed Hohenbrück (alla Svezia), e di qui passava dal lago Martinscher, circondava Kammin, Tribsow e Fritzow (alla Svezia) e giungeva al Mar Baltico fra Raddack e Lüchentin.[1]

Il 19 luglio 1653, la prima assemblea nella Pomerania brandeburghese si riunì a Stargard.[5] Nel 1654 il ritiro degli svedesi dalla Pomerania Orientale era completato.[4]

Importanza nel contesto europeo[modifica | modifica sorgente]

Il trattato consolidò il controllo svedese sull'estuario dell'Oder, aggiungendo ai benefici ottenuti dalla Svezia il controllo del Basso Weser e quello dell'Elba. Quindi gli svedesi avevano ora il controllo degli estuari dei maggiori fiumi tedeschi, escluso il solo Reno. La Pomerania svedese divenne il maggior territorio svedese nel cuore della Germania.

Revisione dei confine del 1679 e 1720[modifica | modifica sorgente]

Il confine, così come era stato concordato nel trattato, fu leggermente spostato verso ovest dopo la Guerra di Svezia con il Trattato di Saint-Germain-en-Laye del 1679,[6] e successivamente spostato molto verso ovest ai fiumi Peene e Peenestrom, dopo la grande guerra del nord con il Trattato di Stoccolma del 1720.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Heitz (1995), p. 232
  2. ^ Croxton (2002), p. 30
  3. ^ Heitz (1995), p. 226
  4. ^ a b Shennan (1995), p. 19
  5. ^ Heitz (1995), p. 233
  6. ^ Heitz (1995), p.241
  7. ^ Heitz (1995), p. 244

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Derek Croxton, Anuschka Tischer, The Peace of Westphalia: a historical dictionary, Greenwood Press, 2002, ISBN 0313310041.
  • (DE) Gerhard Heitz, Henning Rischer, Geschichte in Daten. Mecklenburg-Vorpommern, Münster-Berlin, Koehler&Amelang, 1995, ISBN 3733801954.
  • (EN) Margaret Shennan, The Rise of Brandenburg-Prussia, 1995, ISBN 0415129389.