Trattato di Lussemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il 22 aprile 1970 fu firmato il Trattato di Lussemburgo, in base al quale si stabilì che le attività della Comunità europea si sarebbero finanziate con risorse proprie e si ampliarono i poteri del Parlamento europeo (non ancora eletto a suffragio universale) che dal momento dell'entrata in vigore del trattato può respingere in toto il bilancio. Si approvò inoltre una graduale introduzione di un sistema di risorse proprie, in cui la Comunità percepiva i dazi doganali per i prodotti importati da paesi che non facevano parte di essa e la relativa IVA. Il Trattato di Lussemburgo entra in vigore il 1º gennaio 1971.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Unione europea - Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea
1951-52 1957-58 1965-67 1986-87 1992-93 1997-99 2001-03 2007-09
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA)
Comunità europea dell'energia atomica (CEEA o Euratom)
Comunità economica europea (CEE) Comunità europea (CE)
Comunità europee: CECA, CEEA, CEE Giustizia e
affari interni
(GAI)
 
Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (GAI)
Politica estera e di
sicurezza comune
(PESC)
U N I O N E   E U R O P E A   (U E)
Trattato di
Parigi
Trattati di
Roma
Trattato di
fusione
Atto unico
europeo
Trattato di
Maastricht
Trattato di
Amsterdam
Trattato di
Nizza
Trattato di
Lisbona