Trattato di Helgoland-Zanzibar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Helgoland-Zanzibar
Luogo Berlino, 1º luglio 1890
Premessa Colonialismo tedesco in Africa
Parti contraenti
Rappresentanti
Cancelliere Leo von Caprivi
Friedrich Richard Krauel
Sir Edward Baldwin
Sir Henry Percy
voci di trattati presenti su Wikipedia
Cerimonia per il passaggio di sovranità di Helgoland, 10 agosto 1890

Il trattato di Helgoland-Zanzibar (in tedesco: Helgoland-Sansibar-Vertrag, in inglese Heligoland-Zanzibar Treaty) noto anche come accordo anglo-tedesco riguardante gli interessi economici e territoriali delle due potenze coloniali in Africa, è un trattato firmato nel 1890 dal Regno Unito e dall'Impero tedesco.

Nonostante il nome il trattato non ebbe come oggetto, come invece viene spesso erronaemente ritenuto, lo scambio fra l'isola di Helgoland (che dal 1807 era possedimento britannico) con l'isola di Zanzibar (che mai fu colonia tedesca), formalmente il nome corretto del trattato è Vertrag über Kolonien und Helgoland ovvero "Trattato delle colonie e di Helgoland".

Bandiera di Helgoland britannica tra il 1815 e il 1890.

Con il trattato la Germania rinunciava, a favore del Regno Unito, al piccolo Sultanato di Witu, riconosceva il dominio coloniale del Regno Unito nell'Africa orientale (Uganda, Sudan, e la costa del Kenya) e si impegnava a non interferire nelle relazioni fra il sultanato di Zanzibar e il Regno Unito.

In cambio ottenne l'arcipelago di Helgoland, nel Mare del Nord, il Dito di Caprivi e il controllo della costa intorno a Dar es Salaam.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]