Trattato di Gand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Firma del Trattato di Gand

Il Trattato di Gand, firmato il 24 dicembre 1814 a Gand in (Belgio), fu il trattato di pace che pose fine alla Guerra del 1812 fra gli Stati Uniti ed il Regno Unito. La guerra fu inutile ed il trattato restaurò le situazioni esistenti prima della guerra.

Fra i negoziatori per la Gran Bretagna vi furono personaggi di secondo piano quali William Adams, Lord James Gambier e Henry Goulburn. Gli incontri subirono lunghe interruzioni, anche di alcune settimane, in quanto i diplomatici inglesi attendevano disposizioni da Londra. La delegazione americana era composta da autorevoli politici americani che avevano invece pieni poteri decisionali. Fra questi John Quincy Adams, James A. Bayard, Sr., Henry Clay, Albert Gallatin e Jonathan Russell.

La guerra era terminata in fase di stallo. Gli Stati Uniti non vollero mai annettersi il Canada ma soltanto conquistare delle terre da usare come valore di scambio per la trattazione di altri contenziosi. I problemi della limitazione dei commerci, così intimamente legati alla guerra contro Napoleone, ormai in esilio, non furono neanche affrontati. La minaccia indiana era stata distrutta, ed era stata uno dei motivi principali della guerra. L'opinione pubblica desiderava fortemente la pace e non c'era nessuna ragione per continuare la guerra. Il trattato ripristinò i confini esistenti prima della guerra e portò al rilascio di tutti i prigionieri. Esso non portò cambiamenti notevoli, ma sanzionò alcune promesse. La Gran Bretagna promise di restituire gli schiavi catturati, ma invece della restituzione, pagò, qualche anno più tardi, 250.000 sterline agli Stati Uniti. Proposte britanniche per creare una zona cuscinetto indiana (in Ohio e Michigan) vennero meno dopo il crollo della comunità indiana. Alcune deboli garanzie riguardo al trattamento degli indiani da parte degli americani vennero ignorate.

I combattimenti ebbero termine non appena la notizia del trattato giunse al fronte, ma questo accadde dopo la inutile vittoria americana nella Battaglia di New Orleans del gennaio 1815. Il Senato lo approvò unanimemente il 16 febbraio 1815 e il presidente James Madison scambiò i documenti con un diplomatico britannico a Washington il 17 febbraio; il trattato fu solennemente proclamato il giorno seguente. Undici giorni più tardi, il 1º marzo, Napoleone fuggì dall'isola d'Elba per riprendere le Guerre napoleoniche, costringendo gli inglesi a concentrarsi sulla nuova minaccia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bemis, Samuel Flagg. John Quincy Adams and the Foundations of American Foreign Policy (1950)
  • A. L. Burt. The United States, Great Britain and British North America from the Revolution to the Establishment of Peace after the War of 1812. (1940) online edition
  • Engelman, Fred L. The Peace of Christmas Eve (1962), popular account; online excerpt from American Heritage Magazine (Dec 1960) v 12#1
  • Donald R. Hickey. The War of 1812: A Forgotten Conflict (1990) pp 281-98.
  • Perkins, Bradford. Castelereagh and Adams: England and the United States, 1812-1823. (1964), the standard scholarly history
  • Robert Vincent Remini. Henry Clay: Statesman for the Union (1991) pp 94-122

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]