Trattato di Arras (1435)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il trattato di Arras del 1435, fu un trattato tra il re di Francia, Carlo VII ed il duca di Borgogna, Filippo III il Buono, firmato il 21 settembre di quell'anno dopo lunghe trattative, iniziate, nel 1431, dopo il rogo di Giovanna d'Arco. In pratica il trattato sanciva la fine della guerra civile francese, tra armagnacchi e borgognoni, iniziata circa trent'anni prima e il cambio di alleanza[1] di Filippo III il Buono, che, lasciata l'alleanza inglese, ora si legava alla monarchia francese.

Congresso di pace[modifica | modifica sorgente]

Ad Arras era stata indetta una conferenza per porre fine alla guerra tra Francia ed Inghilterra, che durava ormai da 98 anni, e, con la mediazione di Amedeo VIII di Savoia, oltre alle tre parti in causa, la delegazione inglese, quella francese e quella borgognona erano presenti, l'imperatore Sigismondo e le delegazione dei re di Polonia, Aragona e Castiglia.

Rottura delle trattative franco-inglesi[modifica | modifica sorgente]

Ma durante le trattative, il capitano francese, Jean Poton de Xaintrailles, insieme a Étienne de Vignolles, fecero un raid contro le truppe inglesi, uscendo vittoriosi dalla battaglia di Gerberoy dove fecero prigioniero il conte d’Arundel. La delegazione inglese, alla notizia, interruppe le trattative e abbandonò la conferenza. La delegazione del ducato di Borgogna, guidata dal duca Filippo, in persona, fu sollecitata a continuare le trattative.

Quando la delegazione inglese tornò al tavolo delle trattative si rese conto che il suo alleato borgognone stava cambiando alleanza, ed inoltre fu colpita da una grave perdita: il reggente del governo inglese Giovanni di Lancaster, zio di Enrico VI d'Inghilterra, morì il 14 settembre 1435.

Trattato di Arras[modifica | modifica sorgente]

Il trattato tra Francia e Borgogna prevedeva:

  • da parte del duca di Borgogna il riconoscimento di Carlo VII come re di Francia e quindi implicitamente il duca di Borgogna appoggiava Carlo VII contro gli inglesi;
  • da parte del re di Francia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Filippo III il Buono giustificò il suo passaggio di campo con il fatto che gli inglesi non avevano accettato la mediazione offerta da papa Eugenio IV, per cui si dichiarò sciolto da ogni impegno con la casa regnante inglese dei Lancaster.
  2. ^ Una clausola a parte riservava al re di Francia il diritto di ricomprare le città borgognone sulla Somme (Péronne, Montdidier e Roye). Le città furono ricomprate da Luigi XI, nel 1463.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph Calmette, "Il regno di Carlo VII e la fine della guerra dei cent'anni in Francia", cap. XVII, vol. VII (L'autunno del medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 611-656.