Trapezoedro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trapezoedro
Trapezohedron5.jpg
Tipo
Forma facce aquiloni
Nº facce 2n
Nº spigoli 4n
Nº vertici 2n+2
Valenze vertici n, 3
Duale antiprisma
Proprietà non chirale

In geometria per trapezoedro o deltoedro si intende il poliedro duale di un corrispondente antiprisma. Le sue facce sono aquiloni congruenti (detti anche deltoidi). Nessuna delle facce è un trapezoide, quindi il nome trapezoedro, più usato, è fuorviante.

Il termine deltoedro non va confuso con deltaedro, poliedro con tutte le facce costituite da triangoli equilateri congruenti.

Successione di poliedri[modifica | modifica sorgente]

Un trapezoedro ha 2n facce. Esiste quindi un trapezoedro per ogni n>2. Per n=3 il trapezoedro è in realtà un cubo: in questo unico caso, gli aquiloni sono dei quadrati, per n>3 gli aquiloni sono sempre irregolari.

Costruzione[modifica | modifica sorgente]

Il trapezoedro può essere ottenuto da due piramidi a base n-gonale regolare congruenti; esse in un primo momento vengono disposte con le basi sovrapposte, poi si sottopone una piramide a una rotazione intorno a suo asse di 180 ° / n e infine si compenetrano le piramidi e si smussano i loro spigoli di base.

Trapezoedro (quadrangolare pentagonale e esagonale): modelli in filo metallico dello scheletro essenziale (vertici e spigoli).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H. M. Cundy & A. P. Rollett, I modelli matematici, Milano, Feltrinelli, 1974.
  • Maria Dedò, Forme, simmetria e topologia, Bologna, Decibel & Zanichelli, 1999, ISBN 88-08-09615-7.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica