Trachypithecus shortridgei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Presbite di Shortridge[1]
Trachypithecus shortridgei - Kunming Natural History Museum of Zoology - DSC02508.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Cercopithecoidea
Famiglia Cercopithecidae
Sottofamiglia Colobinae
Tribù Presbytini
Genere Trachypithecus
Specie T. shortridgei
Nomenclatura binomiale
Trachypithecus shortridgei
Wroughton, 1915
Sinonimi

Trachypithecus belliger

Il presbite di Shortridge (Trachypithecus shortridgei Wroughton, 1915) è un primate catarrino della famiglia dei Cercopitecidi: in particolare, questo animale fa parte della tribù dei Presbytini, comprendente le specie asiatiche della sottofamiglia dei Colobinae.

Vive nella regione di Gongshan, nello Yunnan (Cina meridionale)[1] e nel Myanmar, a est del fiume Chindwin: in tal modo, la sua diffusione è continua rispetto a quella del presbite dal ciuffo (Trachypithecus pileatus), il quale vive ad ovest di tale fiume.

Poco o nulla si conosce del suo stile di vita, tuttavia è lecito supporre che non si discosti molto da quello delle specie congeneri. Si tratterebbe dunque di animali diurni ed arboricoli, che vivono in harem composti da un unico maschio e numerose femmine e cuccioli, che delimitano un proprio territorio da difendere gelosamente. Si nutrono di foglie, ma all'occorrenza non disdegnano anche frutti e fiori.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda in (EN) Colin Groves in D.E. Wilson e D.M. Reeder (a cura di), Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, pp. 177, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Eudey, A. & Members of the Primate Specialist Group (2000), Trachypithecus shortridgei in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi