Totò d'Arabia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Totò d'Arabia
Totò d'arabia cammello.jpg
Totò sul cammello.
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1965
Durata 84 min
Colore colore
Audio mono
Genere comico, commedia
Regia José Antonio de la Loma
Soggetto Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi
Sceneggiatura Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi
Produttore Alberto Pugliese, Luciano Ercoli
Musiche Angelo Francesco Lavagnino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Totò d'Arabia è un film del 1965, diretto da José Antonio de la Loma con Totò.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Totò, ex-militare italiano al servizio, come domestico, presso l'Intelligence Service britannico viene promosso ad agente segreto con il nome di Agente 00Ø8 al fine di convincere il regnante di Shamara, lo sceicco Ali El Buzur a cedere il petrolio al Regno Unito. Dopo un breve soggiorno a Barcellona per ricevere ulteriori istruzioni Totò si trasferisce nel Kuwait dove riesce a sconfiggere i servizi segreti egiziani, turchi e russi. Per superare anche la CIA Totò si servirà delle trenta mogli dello sceicco, che alla fine lo adotterà e come El Buzur II guiderà la raffinazione del petrolio di Shamara da Napoli.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Il film è una parodia di Lawrence d'Arabia e di James Bond.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • È l'ultimo film in cui il nome di Totò compare nel titolo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema