Torsten Schmidt (atleta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torsten Schmidt
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 207 cm
Peso 118 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Lancio del disco
Record
Disco 64,78 m (2004)
Società LAV Rostock
Ritirato 2007
Carriera
Nazionale
2002-2005 Germania Germania 6
Statistiche aggiornate al 5 agosto 2011

Torsten Schmidt (Rostock, 9 dicembre 1974) è un ex atleta tedesco, specializzato nel lancio del disco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 ha partecipato ai campionati europei di Monaco concludendo al diciassettesimo posto con un lancio a 59,78 metri. Due anni dopo ha partecipato alle Olimpiadi di Atene dove si è qualificato per la finale con un lancio a 63,40 m. Giunto in finale si è classificato nono con 61,18 m.[1]

Terminata la carriera sportiva, inizia ad allenare la squadra giovanile della società SC Neubrandenburg. Dall'autunno 2013 diventa il nuovo allenatore del campione olimpico, mondiale ed europeo Robert Harting.[2]

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
2002 Mondiali militari Italia Tivoli Lancio del disco 58,02 m
2004 Olimpiadi Grecia Atene Lancio de disco 61,18 m

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2000

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 58,88 m

2001

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 58,49 m

2002

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 60,69 m

2003

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 62,44 m

2004

  • Argento Argento ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 61,86 m

2005

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 61,15 m

2006

  • 4º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 57,98 m

2007

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 54,76 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conclude la gara decimo posto ma passa nono dopo la squalifica del vincitore Róbert Fazekas.
  2. ^ (DE) Harting schwitzt in Kienbaum für neuen EM-Rekord, Swp.de, 31 luglio 2014. URL consultato il 23 agosto 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37095831