Torsten Schmidt (atleta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torsten Schmidt
Nazionalità Germania Germania
Altezza 207 cm
Peso 118 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Lancio del disco
Record
Disco 64,78 m (2004)
Società LAV Rostock
Ritirato 2007
Carriera
Nazionale
2002-2005 Germania Germania 6
Statistiche aggiornate al 5 agosto 2011

Torsten Schmidt (Rostock, 9 dicembre 1974) è un ex atleta tedesco, specializzato nel lancio del disco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 ha partecipato ai campionati europei di Monaco concludendo al diciassettesimo posto con un lancio a 59,78 metri. Due anni dopo ha partecipato alle Olimpiadi di Atene dove si è qualificato per la finale con un lancio a 63,40 m. Giunto in finale si è classificato nono con 61,18 m.[1]

Terminata la carriera sportiva, inizia ad allenare la squadra giovanile della società SC Neubrandenburg. Dall'autunno 2013 diventa il nuovo allenatore del campione olimpico, mondiale ed europeo Robert Harting.[2]

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
2002 Mondiali militari Italia Tivoli Lancio del disco 58,02 m
2004 Olimpiadi Grecia Atene Lancio de disco 61,18 m

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2000

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 58,88 m

2001

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 58,49 m

2002

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 60,69 m

2003

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 62,44 m

2004

  • Argento Argento ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 61,86 m

2005

  • Bronzo Bronzo ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 61,15 m

2006

  • 4º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 57,98 m

2007

  • 6º ai Campionati nazionali tedeschi, lancio del disco - 54,76 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conclude la gara decimo posto ma passa nono dopo la squalifica del vincitore Róbert Fazekas.
  2. ^ (DE) Harting schwitzt in Kienbaum für neuen EM-Rekord, Swp.de, 31 luglio 2014. URL consultato il 23 agosto 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN37095831 · BNF: (FRcb137444898 (data)