Toots Thielemans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toots Thielemans
Fotografia di Toots Thielemans
Nazionalità Belgio Belgio
Genere Jazz
Periodo di attività 1949-2014
Strumento armonica, chitarra
Sito web

Jean Baptiste "Toots" Thielemans (Bruxelles, 29 aprile 1922) è un armonicista e chitarrista belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei più apprezzati armonicisti jazz, e non, di tutti i tempi; nato il 29 aprile 1922 a Bruxelles (Belgio) e nella sua carriera ha collaborato con artisti del calibro di Benny Goodman, Elis Regina, Dizzy Gillespie, Charlie Parker, Billy Eckstine, Oscar Peterson, Joe Pass, Ella Fitzgerald, Djavan, Bill Evans, Jaco Pastorius, Quincy Jones, Joe Lovano, Mongo Santamaría, Pat Metheny e Mina.

Thielemans svaria indifferentemente fra i più diversi generi musicali senza mai tradire la sua vena jazz che lo accompagna da quando durante la seconda guerra mondiale ebbe modo di ascoltare incisioni di Louis Armstrong.

Ha partecipato alle colonne sonore di vari film, ed il suono della sua armonica rimane legato soprattutto a Un uomo da marciapiede.

Uno dei più apprezzati modelli di armonica cromatica porta il suo nome; è la "Toots" della Hohner.

In Italia negli anni settanta divenne noto anche al grande pubblico televisivo grazie alla sua presenza nella sigla finale della trasmissione Milleluci (1974), durante la quale compariva al fianco di Mina, che accompagnava con la sua armonica nella canzone Non gioco più.

Ha partecipato, in veste di guest star, al Festival di Sanremo edizione 1997 accompagnando l'esecuzione dei Dirotta su Cuba nel brano "È andata così".

Nel 2004 è stato ospite del concerto di Sergio Cammariere al Pescara Jazz accompagnando il cantautore in alcuni brani.

Re Alberto II del Belgio gli ha conferito il titolo nobiliare di barone.

Il 12 marzo 2014, all'età di 91 anni, ha annunciato il suo ritiro.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1955: The Sound[2]
  • 1974: Captured Alive[2]
  • 1974: Live[2]
  • 1976: Live 2[2] (registrato nel 1975)
  • 1978: Live 3[2]
  • 1978: Slow Motion[2]
  • 1978: Affinity[3] con Bill Evans
  • 1980: Apple Dimple[2] (registrato nel 1979)
  • 1982: Man bites harmonica[2] (registrato tra 1957 e 1958)
  • 1985: Your Precious Love[2] (registrato nel 1984)
  • 1986: The Soul of Toots Thielemans (registrato nel 1959)
  • 1987: Ne Me Quitte Pas[2] (registrato nel 1986)
  • 1988: Bluesette[3]
  • 1992: Aquarela do Brasil[3] con Elis Regina (registrato nel 1969)
  • 1992: The Brasil Project I[3]
  • 1993: The Brasil Project II[3]
  • 1994: Collage[3] (riedizione di un LP degli anni ottanta)
  • 1994: East Coast-West Coast[3]
  • 1995: For My Lady[3] con Shirley Horn e il suo trio
  • 1997: Toots 75 (The Birthday Album)[3] (compilation)
  • 1998: Chez Toots[3]
  • 2000: The very best of Toots Thielemans (Hard to say Goodbye)[3]
  • 2001: Toots Thielemans & Kenny Werner[3]
  • 2011: Ne Me Quitte Pas[3] (riedizione del disco registrato nel 1986)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua lunga carriera Thielemans ha avuto la possibilità di suonare con molti grandi musicisti del XX secolo fra i quali: Benny Goodman, Mina, Charlie Parker, Ella Fitzgerald, Bill Evans, Charlie Haden, Terence Blanchard, Dianne Reeves, Dolf De Vries, Bobbejaan Schoepen, Elis Regina, Frank Sinatra, Diana Krall, Herbie Hancock, Joe Pass, John Scofield, Lee Ritenour, Dave Grusin, Gilberto Gil, Milton Nascimento, Natalie Cole, Billy Joel, Oscar Peterson, Pat Metheny, Jaco Pastorius, Peter Erskine, Quincy Jones, Ray Charles, Ray Drummond, Robben Ford, Shirley Horn, Baden Powell, Joe Lovano, Caterina Valente, Mia Martini, Franco Cerri, Dizzy Gillespie, Mongo Santamaría, Milt Jackson, Djavan, Chico Buarque, Niels-Henning Ørsted Pedersen, Lionel Richie, Richard Galliano, Ivan Lins.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Con l'età, si sono presentati dei problemi polmonari che lo hanno costretto a ridurre di molto le sue esibizioni. In un video spiritosamente Thielemans racconta del dolore ai polmoni e spiega di aver cercato di suonare l'armonica ugualmente, ricorrendo ad una pompetta da cucina; ma poi hanno cominciato a dolergli le mani. Così ha iniziato ad utilizzare un asciugacapelli elettrico ed ora, afferma, l'unica cosa che gli fa male è la bolletta dell'elettricità[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'annuncio ufficiale del suo ritiro
  2. ^ a b c d e f g h i j Discografia in LP sul sito ufficiale. URL consultato il 21 giugno 2011.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m Discografia in CD sul sito ufficiale. URL consultato il 21 giugno 2011.
  4. ^ Il videoracconto di Toots Thielemans

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 15967960 LCCN: n82116354