Tony Granato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giocatore di baseball, vedi Anthony Granato.
Tony Granato
Tony Granato 2011-10-13.JPG
Tony Granato sulla panchina dei Pittsburgh Penguins
Dati biografici
Nome Anthony Lewis Granato
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 85 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex ala sinistra)
Tiro Destro
Ritirato 2001 - giocatore
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1982-1983 600px Bianco e Blu.png Northwood School 34 32 60 92
1983-1987 Wisconsin Badgers Wisconsin Badgers 151 100 120 220
Squadre di club0
1987-1988 Denver Rangers Denver Rangers 30 22 18 40
1987-1988 Stati Uniti Stati Uniti 49 40 31 71
1988-1990 NY Rangers NY Rangers 119 44 36 80
1990-1996 Los Angeles Kings Los Angeles Kings 432 161 181 342
1996-2001 San Jose Sharks San Jose Sharks 301 49 44 93
Nazionale
1982-1984 Stati Uniti Stati Uniti U-20 14 5 3 8
1985-1991 Stati Uniti Stati Uniti 39 10 21 31
NHL Draft
1982 NY Rangers NY Rangers 120a scelta ass.
Allenatore
2002 Colorado Avalanche Colorado Avalanche Asst. Coach
2002-2004 Colorado Avalanche Colorado Avalanche Head Coach
2005-2008 Colorado Avalanche Colorado Avalanche Asst. Coach
2008-2009 Colorado Avalanche Colorado Avalanche Head Coach
2009-2014 Pittsburgh Penguins Pittsburgh Penguins Asst. Coach
2014 Stati Uniti Stati Uniti Asst. Coach
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 luglio 2013

Anthony Lewis Granato (Downers Grove, 24 luglio 1964) è un allenatore di hockey su ghiaccio ed ex hockeista su ghiaccio statunitense che ha giocato come ala sinistra nella National Hockey League.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Granato fu selezionato dai New York Rangers nel Draft 1982 al sesto giro, in 120a posizione assoluta.[1] Dal 1983 al 1987 giocò per la formazione della University of Wisconsin-Madison, totalizzando 220 punti in 151 presenze e conquistando alcuni premi individuali. Per un anno giocò in IHL alternando presenze con il camp del Team USA. Granato esordì in NHL nella stagione 1988-1989, guidando la squadra con 36 reti realizzate ed entrando nell'All-Rookie Team. Nel gennaio del 1990 i Rangers cedettero Granato e il compagno di linea Tomas Sandström ai Los Angeles Kings in cambio del centro Bernie Nicholls.[2]

Granato continuò ad essere un realizzatore prolifico anche con la maglia dei Kings, arrivando nel 1993 a disputare la finale della Stanley Cup. Il 9 febbraio 1994 Granato durante una partita contro i Chicago Blackhawks fu autore di un grave fallo, colpendo con forza la testa dell'avversario Neil Wilkinson. Granato fu in seguito sospeso dalla NHL per quindici partite, una delle più lunghe squalifiche nella storia della lega.[3] Il 25 gennaio 1996 fu invece Granato ad essere vittima di un grave infortunio alla testa dopo un incontro con gli Hartford Whalers. In seguito all'incidente fu sottoposto ad un intervento per rimuovere una grande quantità di sangue fuoriuscita dal lobo temporale sinistro, facendo temere la fine anticipata della carriera agonistica.[4] Al termine della stagione fu ceduto dai Kings, dopo aver totalizzato 342 punti in 432 partite giocate.

Granato riuscì a recuperare in tempo per esordire nel 1996 con la maglia dei San Jose Sharks. Come misura precauzionale per scongiurare ulteriori infortuni al cervello Granato giocò con un caschetto speciale.[5] In seguito ad una stagione positiva giocò quell'anno l'NHL All-Star Game e conquistò il Bill Masterton Memorial Trophy. Nelle stagioni successive tuttavia la media realizzativa calò drasticamente, portandolo nel 2001 alla scelta di ritirarsi.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Tony Granato esordì nella selezione Under-20 degli Stati Uniti disputando due mondiali fra il 1983 e il 1984, raccogliendo 8 punti in 14 presenze.

Già nel 1985 disputò con la nazionale maggiore il suo primo mondiale con 9 presenze e quattro punti, seguito poi dalle rassegne iridate del 1986 e del 1987.[4] Granato, non ancora professionista, dopo un anno trascorso con il Team USA poté disputare i giochi olimpici invernali di Calgary 1988. In sei incontri disputati segnò una rete e fornì 7 assist. Nel 1991 invece giocò la Canada Cup, conclusa dagli statunitensi al secondo posto.

In totale Granato vanta due presenze ai mondiali U20, tre apparizioni al campionato mondiale, un torneo olimpico e una Canada Cup conclusa al secondo posto, per un totale di 53 incontri disputati con 15 reti e 24 assist.[4][6]

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Granato entrò nell'organizzazione dei Colorado Avalanche come vice allenatore nella stagione 2002-03. Dopo una partenza negativa il 18 dicembre 2002 gli Avalanche licenziarono Bob Hartley, e al suo posto subentrò lo stesso Granato.[7] Nonostante l'inizio di stagione gli Avalanche conquistarono il titolo della Northwest Division; nei successivi playoff persero il primo turno contro i Minnesota Wild in sette partite. Nella stagione successiva Granato guidò Colorado nuovamente in zona playoff, ma dopo aver avuto la meglio sui Dallas Stars per 4-1 gli Avalanche persero per 4-2 la serie contro i San Jose Sharks.

Granato fu sostituito da Joel Quenneville, ritornando però a ricoprire il ruolo di vice per altre tre stagioni.[8] He held that position for three seasons. Il 22 maggio 2008 Granato dopo la partenza di Quenneville fu scelto nuovamente come capo allenatore per la stagione 2008-09.[9] Al termine della stagione regolare gli Avalanche non raggiunsero la zona playoff, e per questo Granato fu sollevato dal suo incarico.[10]

Il 5 agosto 2009 Granato si unì allo staff di allenatori dei Pittsburgh Penguins, assumendo l'incarico di assistant coach.[11] Nell'estate del 2013 entrò a far parte del gruppo di vice allenatori scelti dalla federazione statunitense in vista dei giochi di Soči 2014.[12]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1996-1997
1988-1989
1997
  • WCHA Second All-Star Team: 2
1984-1985, 1986-1987
  • NCAA West Second All-Star Team: 2
1984-1985, 1986-1987

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 1982 NHL Entry Draft -- Tony Granato, hockeydraftcentral.com. URL consultato il 01-05-2013.
  2. ^ (EN) Nicholls Goes to Rangers : Kings: They get right wingers Sandstrom and Granato, Los Angeles Times, 21-01-1990. URL consultato il 01-05-2013.
  3. ^ (EN) Granato Is Suspended for Slashing, Los Angeles Times, 11-02-1994. URL consultato il 01-05-2013.
  4. ^ a b c (EN) NHL Player Search -- Tony Granato, legendsofhockey.net. URL consultato il 01-05-2013.
  5. ^ (EN) New Shark Survived A Scare / Granato suffered severe head injury, sfgate.com, 11-09-1996. URL consultato il 01-05-2013.
  6. ^ (EN) Tony Granato Bio, Stats, and Results, sports-reference.com. URL consultato il 01-05-2012.
  7. ^ (EN) Avalanche fire Hartley, promote first-year assistant Granato, Sports Illustrated, 19-12-2002. URL consultato il 14-04-2012.
  8. ^ (EN) Granato will reutrn to assistant job, ESPN.com, 08-07-2004. URL consultato il 01-05-2013.
  9. ^ (EN) Granato introduced as head coach of Avalanche, avalanche.nhl.com, 22-05-2005. URL consultato il 01-05-2013.
  10. ^ (EN) Terry Frei, Granato gone as Avs clean house, denverpost.com, 03-06-2009. URL consultato il 14-04-2012.
  11. ^ (EN) Tony Granato, National Hockey League. URL consultato il 01-05-2013.
  12. ^ (EN) Laviolette, Richards, Granato named U.S. assistants, National Hockey League. URL consultato il 23-07-2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]