Tommy Moe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tommy Moe
Dati biografici
Nome Thomas S. Moe
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 78 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante
Squadra Jackson Hole Ski Club
Ritirato 1998
Palmarès
Olimpiadi 1 1 0
Mondiali juniores 1 1 0
Campionati statunitensi 2 0 2
Nor-Am Cup 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Thomas S. Moe detto Tommy (Missoula, 17 febbraio 1970) è un ex sciatore alpino statunitense.

È sposato con Megan Gerety, a sua volta sciatrice alpina di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Specialista delle discipline veloci in attività tra la fine degli anni ottanta e il decennio successivo, Tommy Moe è stato in grado di aggiudicarsi una vittoria in Coppa del Mondo, nel supergigante disputato il 13 marzo 1994 sulle nevi canadesi di Whistler.

Nel mese di febbraio dello stesso anno lo sciatore statunitense, partecipando ai XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994 in Norvegia, raggiungeva l'apice della carriera agonistica conquistando una medaglia d’oro in discesa libera e una d'argento in supergigante.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 8º nel 1994
  • 7 podi (4 in discesa libera, 3 in supergigante):
    • 1 vittoria
    • 2 secondi posti
    • 4 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
13 marzo 1994 Whistler Canada Canada SG

Campionati statunitensi[modifica | modifica sorgente]

  • Campione statunitense di discesa libera nel 1997
  • Campione statunitense di supergigante nel 1997

Nor-Am Cup[modifica | modifica sorgente]

  • Vincitore della Nor-Am Cup nel 1990[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  2. ^ (EN) Albo d'oro Nor-Am Cup, p. 142. URL consultato il 19 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]