Tommaso Martini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo senatore del Regno, vedi Tommaso Martini (senatore).

Tommaso Martini (Bivongi, 1688? – Bivongi, 25 gennaio 1755) è stato un pittore italiano del Settecento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1706 viene mandato a Napoli a continuare gli studi. Lì entra a far parte della scuola di Francesco Solimena e inizia l'attività completando le opere del suo maestro. Istruito alla pittura napoletana, ne diverrà elemento di spicco. [1]

Famoso anche come ritrattista, frequentò le case dei nobili del tempo lasciando molte opere. Dimorò per un certo tempo nello Stato Pontificio, operando a Roma e nel Reatino. A Bocchignano di Montopoli dipinse la Madonna del Rosario per la chiesa di San Giovanni.

In Calabria operò a Petrizzi, Monterosso, Serra San Bruno, Paola e Guardavalle. A Bivongi dipinse la Madonna del Rosario, distrutta durante i lavori di restauro della chiesa negli anni ’50.

Morì nel suo paese all’età di 67 anni, il 25 gennaio 1755. [2] Si deve alle ricerche dell'Ins. FRANCO Ernesto, la riscoperta del Martini e di molte sue opere. Da questa ricerca effettuata nei luoghi dove il Martini si recò a dipingere, sono scaturiti , un convegno tenuto a Bivongi nel 1988 (terzo centenario della nascita) ed una monografia data alle stampe nel 1991. Da allora altri studiosi e ricercatori si sono attivati per nuove ricerche sul Martini.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Molti suoi ritratti si trovano oggi presso collezioni private a Vienna e a Londra. Suoi dipinti si trovano nella chiesa di San Fantino a Santa Cristina d'Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria e nella chiesa di San Giovanni in Bocchignano, in provincia di Rieti[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ B. De Dominici, Vite de’ pittori, scultori ed architetti napoletani, Napoli 1743, vol. 3, pp. 704-707 [1]
  2. ^ Tommaso Martini, Calabriaonline
  3. ^ Tommaso Martini, Calabriaonline

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]