Tomier e Palaizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tomier e Palaizi, o Palazi (... – ...), sono stati due cavalieri e trovatori originari di Tarascona (forse fratelli), compagni e co-compositori (fl. 1199–1226)..

Palaizi e Tomier furono coinvolti nella crociata albigese. Nel sirventes De chantar farai, scritto forse durante l'assedio di Luigi VIII ad Avignone nel 1226,[1] Loro criticano la crociata albigese e il Papato — "coloro che hanno trasformato la crociata" — per sviare "soccorso e valore" (aiuto e sostegno militare) dal "Sepolcro" (la Terrasanta), un atto di "miscredenza", vale a dire "un peccato contro la fede":[2]

(OC)
« Al Sepolcr'an tout
socors e valenza
cil q'an la croz vout,
et es decredenza. »
(IT)
« Al Sepolcro han tolto
soccorso e sostegno
quelli che la croce vogliono,
ed è miscredenza. »

La crociata albigese viene descritta come falsa croisada e la canzone ha un ritornello in rime che deve essere stato inteso a destare le passioni in Provenza per la lotta contro i francesi: Segur estem, seignors, / E ferm de ric socors! ("Sicuri stiamo, signori, / E fiduciosi di un grande aiuto").[3] Tomier e Palaizi accusano la chiesa di egemonia e, in special modo, il legato Romain de Saint-Ange di avarizia.[4] Nel primo e meno violento sirventes, Si col flacs molins torneja (1216 circa), i due trovatori spiegano che la spedizione albigese rovina le strade e i porti che conducono ad Acri, dove si svolge la vera Crociata.[5] Per loro, i crociati pauc a en Deu d'esperanssa (hanno poca speranza in Dio). Alla fine Tomier e Palaizi accusano la Chiesa di eresia e quindi prendono le distanze dalla Chiesa di Roma che vorrebbe accusare invece loro come eretici.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Throop, 386.
  2. ^ Puckett, 861.
  3. ^ Throop, 391 e n3.
  4. ^ Puckett, 862.
  5. ^ Throop, 388.
  6. ^ Throop, 392.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]