Tomb Raider: Anniversary

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Jacqueline Natla: Il mio dipartimento di ricerche ultimamente si sta dedicando allo studio di antichi manufatti. Sono convinta che con il giusto incentivo, lei potrebbe essere la donna che fa al caso nostro.

Lara Croft: Temo che sia fuori strada... gioco solo per divertirmi.

Jacqueline Natla: Ed è proprio per questo che sono venuta da lei, signorina Croft. È un gioco al quale ha già partecipato... con suo padre! »

(Dialogo tra Lara Croft e Jacqueline Natla)
Tomb Raider: Anniversary
Tomb Raider Anniversary.jpg
Una scena dal livello finale del gioco
Sviluppo Crystal Dynamics, Buzz Monkey Software
Pubblicazione Eidos Interactive, Feral Interactive
Serie Tomb Raider
Data di pubblicazione PS2 & Windows

PAL 1º giugno 2007
Stati Uniti 5 giugno 2007
PSP
Stati Uniti 7 agosto 2007
Wii
Europa 7 dicembre 2007
Stati Uniti 13 novembre 2007
Xbox 360
PAL 26 ottobre 2007
Stati Uniti 23 ottobre 2007

Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation Portable, PlayStation 2, Microsoft Windows, Wii, Xbox 360, Mac OS X
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico Tomb Raider: Legend
Supporto DVD, UMD
Fascia di età BBFC: 12
CERO: B
ESRB: T
OFLC (AU): M
OFLC (NZ): M
PEGI: 16, violenza, turpiloquio
USK: 12
Periferiche di input Joystick, tastiera, mouse
Preceduto da Tomb Raider: Legend
Seguito da Tomb Raider: Underworld

Lara Croft Tomb Raider: Anniversary, precedentemente noto come Tomb Raider: 10th Anniversary Edition, è un remake liberamente ispirato al primo gioco Tomb Raider sviluppato usando una versione migliorata del motore grafico di Tomb Raider: Legend[1] contenente molte delle ambientazioni presenti nell'originale[1].

Nonostante cronologicamente si collochi molto prima, è la seconda parte di una trilogia iniziata con Tomb Raider: Legend e terminata con Tomb Raider: Underworld.

Il gioco è stato sviluppato per PlayStation Portable, PlayStation 2, Microsoft Windows e per Wii.[2] Il 24 aprile 2007, Eidos ha annunciato il primo giugno come la data di uscita europea per le versioni PS2 e PC, mentre la versione nord americana è uscita il 5 giugno.[3] La versione PSP è stata rilasciata negli Stati Uniti il 9 agosto 2007, mentre la versione europea il 26 ottobre dello stesso anno, mentre la versione Wii è stata programmata per un rilascio posteriore[4]. La versione Xbox 360 è stata ufficialmente annunciata il 18 giugno 2007. È annunciata la versione per Mac OS X ma non è noto il periodo di rilascio.[5]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1945, Nuovo Messico. In un'area destinata alla sperimentazione di bombe nucleari, l'esplosione di una di queste fa crollare una struttura cristallina, dalla quale esce una misteriosa creatura alata.
1996, India. Lara Croft è una giovane e avvenente ragazza, orfana, la quale, potendosi permettere di vivere di rendita grazie al patrimonio del padre defunto, dal quale ha ereditato anche un certo spirito per l'avventura, si diletta a cimentarsi in imprese di stampo archeologico. Lara viene viene assunta dall'industriale Jacqueline Natla, attraverso la mediazione di Larson, un archeologo amico della ragazza. Natla ha trovato la posizione di Vilcabamba, la leggendaria città peruviana dove si sarebbero rifugiati gli ultimi Inca in fuga dagli Spagnoli ed in cui si celerebbe la tomba di Qualopec, il loro ultimo sovrano, nonché membro del cosiddetto "triumvirato di Atlantide": nella sua tomba si dovrebbe trovare uno dei tre pezzi del leggendario Scion, un mistico artefatto i cui frammenti erano condivisi dai tre leggendari sovrani dell'antica città. Natla, sapendo che in passato Lara e il padre avevano già tentato invano di trovare l'ubicazione della città, le chiede di ritrovare la reliquia; Lara, ovviamente, accetta la proposta.
Accompagnata da un guida peruviana, si reca sulle montagne del Perù, dove dovrebbe trovarsi l'ingresso alla città. Dopo essere riuscita ad aprire l'enorme porta che condurrebbe al regno sotterraneo, Lara è costretta a continuare da sola, in quanto la sua guida viene uccisa da alcuni lupi selvatici. Entrata all'interno della grotta scopre qualcosa di incredibile: la leggendaria "valle perduta" dove affronta le più spaventose creature mai esistite sulla terra: il maestoso T-Rex insieme a dei temibili Velociraptor. Dopo aver affrontato dinosauri e numerosi trabocchetti di astuzia letale, raggiunge Vilcabamba dove trova la salma di Qualopec e nella sua tomba trova il primo pezzo di Scion. Recuperato l'artefatto, Lara fugge dalla tomba che inizia a crollare. Fuori trova Larson pronto a rubarle il frammento del manufatto guadagnato con fatica. Dopo avergli dato una sonora lezione, Lara riesce a prelevargli preziose informazioni e scopre che un altro archeologo è stato assunto e mandato da Natla a cercare il secondo pezzo. Questo stimola Lara a fare una retata all'ufficio della Natla's Technologies per cercare più informazioni, dove una breve visione di un filmato sul proseguimento delle ricerche la dirige a St. Francis' Folly, un monastero che si trova in Grecia; qui gareggia contro Pierre DuPont, il rivale conosciuto come cacciatore di tesori senza scrupoli. Superate strutture architettoniche come il Palazzo di Mida e il Colosseo, arriva nella Tomba di Tihocan, il secondo membro del triumvirato, e recupera anche il secondo manufatto, ma le viene sottratto da Pierre che, furbescamente, per non incorrere nei pericoli da Lara affrontati aveva atteso che lo reperisse. Tuttavia, la profanazione dell'antica tomba desta alcune guardie simili a centauri, che uccideranno facilmente Pierre e fronteggeranno la protagonista. Lara, dopo aver trovato il frammento di Tihocan ed avere avuto una strana visione causata dal tentativo di unire le due reliquie, parte alla ricerca del terzo manufatto, nascosto in Egitto. Dopo essere entrati nientemeno che nella sfinge ed in un santuario al suo interno, ottiene l'ultimo pezzo, unisce i frammenti ed ha una visione (finalmente chiara e comprensibile) che la porta indietro nel tempo. Qui vede i re di Atlantide riunirsi in consiglio e condannare il terzo sovrano, ovvero Natla stessa. Quest'ultima venne punita ed espulsa dal sacro ordine per aver scatenato gli eserciti di Atlantide contro gli altri sovrani nel tentativo di far iniziare la cosiddetta Settima Era, utilizzando i poteri dello Scion; fu per questo imprigionata nella struttura cristallina da cui sarebbe stata poi liberata dall'esplosione di Los Alamos. Appena termina la visione, Lara, prima di poter reagire, vede Natla rubarle dalle mani l'artefatto completo. La protagonista le domanda che cosa sia la Settima Era, ma Natla taglia corto ed ordina ai suoi scagnozzi di ucciderla. Lara riesce a scappare tuffandosi in un fiume, dunque segue a ruota Natla con la sua moto. Questa cambia mezzo e parte con i suoi gorilla in barca, ma Lara riesce a raggiungerla e ad entrarci furtivamente. L'imbarcazione attracca nei pressi di una piccola isola montuosa, che nasconde rovine di un'antica piramide Atlantidea, dove Natla sta praticando degli scavi. All'interno Lara incontra Larson che le impedisce di proseguire tra le miniere. In un crescendo di contrasti interiori, lui viene infine assassinato (primo uomo ucciso da Lara). Alle porte della Grande Piramide affronta gli ultimi due scagnozzi di Natla, Kid e Kold, che muoiono nel combattimento. Infine, dopo essere arrivata nella cima della piramide superando marchingegni tanto elaborati quanto mortali, raggiunge Natla che è riuscita, grazie al potere dello Scion, a riattivare la piramide e riportarla alla luce; grazie ad essa Natla ha inoltre intenzione di ricostruire le armate di Atlantide (creature senza pelle generati dalla struttura stessa) causando l'estinzione della razza umana e l'inizio della Settima Era, e propone a Lara di unirsi a lei, diventando così una dei nuovi immortali alla guida di Atlantide ed accedendo alla conoscenza contenuta nello Scion (scopo principale che ha portato sia Lara che suo padre a cercarlo). L'archeologa però rifiuta distruggendo l'artefatto e sconfiggendo (apparentemente) Natla. Alla fine Lara fugge dalla piramide che, senza il potere del manufatto, crolla su se stessa ed inizia ad eruttare lava (la quale sembra essere una delle fonti di energia che le permettono di funzionare), tuffandosi in mare e salendo sulla barca: osservando l’esplosione Lara guarda le sue mani (prima oggetto di rimorsi per avere ucciso un essere umano, poi di gratificazione personale per aver distrutto un oggetto che avrebbe potuto porre fine all'umanità intera); quindi si mette al timone e si lascia alle spalle l'isola in rovina.

Stato del remake[modifica | modifica wikitesto]

Anniversary è un remake del best-seller originale del 1996, costruito usando il motore grafico di Tomb Raider: Legend. Non è un identico remake, ma segue una trama simile. Vi sono molti dei momenti chiave del gioco originale coi suoi relativi livelli ricostruiti, ma con le nuove abilità di Lara.

Il compositore della colonna sonora di Tomb Raider: Legend, Troels B. Folmann, è tornato per Anniversary. È anche tornato l'inventario ad anello usato nei primi tre capitoli.[6]

Il 27 ottobre 2006 Eidos Interactive ha rivelato il primo screenshot di Tomb Raider: Anniversary.[7] Il livello sembra essere La Valle Perduta. Il gioco è stato ufficialmente rivelato da un video rilasciato da Eidos e Crystal Dynamics, il quale finisce in modo sensazionale con l'arrivo del T-Rex. Il sito ufficiale di Tomb Raider: Anniversary ha aperto il giorno seguente. In data 23 febbraio, è stata chiusa definitivamente la vecchia versione del sito ufficiale, ed è stata aperta quella nuova con diverso materiale inedito (tra cui un nuovo trailer).

Core Design: Tomb Raider 10th Anniversary Edition per PSP[modifica | modifica wikitesto]

Un trailer che mostra degli spezzoni di un nuovo episodio Tomb Raider è stato distribuito su Internet l'8 giugno 2006. I titoli ed il logo del trailer affermavano che il titolo sarebbe stato Lara Croft Tomb Raider: Anniversary Edition, un gioco per PSP sviluppato da Core Design. Il trailer mostrava Lara Croft in ambienti già familiari dell'originale Tomb Raider rimodellati, completo di nuovi scenari, animazioni e interazioni che sarebbero state molto più elaborate una volta che fosse stato rilasciato il gioco. Il metraggio proveniva dall'hardware PSP. Nei forum di video games ci furono numerose discussioni riguardo alla veridicità del trailer, anche perché di sottofondo vi era una riconoscibile colonna sonora di un film (Duel of the Fates da Star Wars Episodio I - La minaccia fantasma) che creò ad alcuni utenti il dubbio se il filmato provenisse da un vero progetto. Core ha dunque ammesso che il trailer proveniva da un progetto eliminato[8]. Il video era difficilmente reperibile attraverso Internet dal momento che infrangeva i diritti d'autore e non era stato progettato per essere svelato al pubblico. Ma recentemente è stato tolto il velo.

La settimana dopo, Eidos Interactive ha annunciato che stava progettando Tomb Raider: 10th Anniversary Edition per PS2, PSP, e Windows. Sarebbe stato sviluppato da Crystal Dynamics, la quale rimpiazzò Core Design dopo le enormi critiche fatte a Tomb Raider: The Angel of Darkness e che creò il settimo episodio, Tomb Raider: Legend.[9]

Contenuti del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

Perù[modifica | modifica wikitesto]

Lara è ingaggiata da Jacqueline Natla per trovare lo Scion celato nella Tomba di Qualopec, nascosta nella città di Vilcabamba. Livelli inclusi:

  • Caverne sui monti
  • Città di Vilcabamba
  • Valle perduta
  • Tomba di Qualopec.

Nemici inclusi: T-Rex, Velociraptor, orsi, lupi, pipistrelli e un'apparizione di Larson.

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver interrogato Larson, Lara si trova in Grecia, dentro il monastero St. Francis Folly per trovare la seconda parte dello Scion. Livelli inclusi:

  • St. Francis' Folly
  • Il Colosseo
  • Palazzo di Mida
  • Tomba di Tihocan (quest'ultimo è stato fuso con La cisterna)

Nemici inclusi: gorilla, topi, leonesse, coccodrilli, centauri, pipistrelli e Pierre DuPont.

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Lara insegue l'ultimo pezzo dello Scion in Egitto, nascosto nella città di Khamoon. Livelli inclusi:

  • Tempio di Khamoon
  • Obelisco di Khamoon
  • Santuario dello Scion

Nemici inclusi: pantere, mummie mutanti (che hanno le sembianze di tigri bipedi mummificate e che possono lanciare sfere infuocate) topi, draghi (che lanciano sfere infuocate) e coccodrilli

Isola perduta[modifica | modifica wikitesto]

Lara insegue Natla fino alla grande piramide di Atlantide per riavere, e quindi distruggere, lo Scion. Livelli inclusi:

  • Miniere di Natla
  • La grande piramide
  • Scontro finale

Nemici inclusi: gli scagnozzi di Natla (Kold e Kid), Larson, mutanti di Atlantide (fra cui "torso") e la finale apparizione di Natla.

Croft Manor[modifica | modifica wikitesto]

In questo prequel, Croft Manor nella sua incarnazione già vista in Legend è ulteriormente ampliato: ci sono degli ambienti esterni (un labirinto) e, pur essendo illineare, ha un filmato d'inizio e una volta risolti tutti gli enigmi in esso presenti è possibile aprire una stanza segreta dove compariranno le statistiche; dopodiché sarà comunque possibile esplorarlo a piacimento. In omaggio al primo capitolo della serie, anche in questa incarnazione sono presenti le scatole nell'atrio principale.

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

  • Doppia pistola: La doppia pistola si ottiene all'inizio del gioco automaticamente, fino alla valle perduta, rimane l'unica arma di cui Lara è dotata.

Caricatore: 40 Munizioni massime: Infinite.

  • Fucile: Il fucile si trova nella Valle perduta, in Perù, dopo aver preso il secondo ingranaggio e sparato al ponte di legno, tornate all'inizio del ponte e scendete (usate il ponte rotto come scaletta), seguite il breve cunicolo ed arriverete al Fucile. Se non riuscite a prenderlo, lo avrete appena al primo livello della Grecia, St. Francis Folly.

Caricatore: 8 Munizioni massime: 40 Pacchi di munizioni da: 8 ciascuno Danno: 5-6 volte quello della pistola.

  • Doppia calibro .50: Le calibro .50 sono situate in Grecia, a Il Colosseo. Dopo che siete saliti sul tetto del primo balcone con la scaletta, saltate sulla sporgenza sulla sinistra e poi saltate verso l'anello, prendendovi col rampino. Invece di saltare e usare il rampino per agganciarvi sul secondo anello, saltate sulla sporgenza dove è incollato, camminate fino a cadere e aggrappatevi con le mani, spostatevi a destra, salite e vi troverete davanti le calibro .50. Nel caso in cui le abbiate dimenticate indietro, le avrete alla fine dell'ultimo livello della Grecia, la Tomba di Tihocan, quando ve la dovrete vedere con i Centauri.

Caricatore: 30 Munizioni massime: 150 Pacchi di munizioni da: 30 ciascuno Danno: 2,5x rispetto alla pistola.

  • Doppia mitraglietta: Le mitragliette le trovate sulla testa della sfinge dell'ultimo livello dell'Egitto, il Santuario dello Scion. Se non le avete prese, le avrete verso la fine del primo livello dell'Isola perduta, le Miniere di Natla, dopo aver sconfitto Kid e Kold.

Caricatore: 50 Munizioni massime: 250 Pacchi di munizioni da: 25 ciascuno Danno: come quello della pistola, ma sparano tre volte più veloce.

Il fucile dorato e le mitragliette cromate sono molto potenti e sono sbloccabili sotto forma di trucchi (i trucchi si trovano nel menù e si possono utilizzare una volta completate alcune sfide a tempo e finito il gioco), per poter selezionare questi trucchi, è necessario completare come sfida a tempo i tre livelli dell'Isola perduta.

  • Fucile dorato: Con questo potente fucile, basta un colpo per uccidere qualsiasi nemico del gioco (eccetto i boss, ai quali però toglie un po' di vita), anche le mummie più forti.

Caricatore: 64 Munizioni massime: Infinite! Danno: Massimo, uccide i nemici con un colpo.

  • Mitragliette cromate: Queste mitragliette sono potentissime, sparano raffiche lunghe, veloci e potenti, purtroppo come il fucile, sono sbloccabili solamente dopo il completamento del gioco e delle sfide a tempo dell'Isola perduta.

Caricatore: 400 Munizioni massime: Infinite! Danno: Come le calibro .50 (quasi tre volte quello della pistola), ma in raffica molto veloce.

Elementi del gioco[modifica | modifica wikitesto]

  • Elda Olivieri ha doppiato la versione italiana di Anniversary nel ruolo di Lara Croft, come tutti i precedenti episodi (eccetto il primo).
  • Zip e Alister non ci sono più, così come l'auricolare; è invece tornato Winston.
  • Lara non ha più il PDA, il PLS o il Binocolo, ma il rampino è tornato in una forma alquanto rudimentale.
  • Lara usa le sue classiche pistole (Browning 9MMs).
  • Le armi sono le medesime presenti nel gioco originale seppur alcune di esse abbiano nomi differenti. Gli uzi si chiamano ora "mitragliette", mentre le magnum, "calibro .50".
  • Tra i nemici, sono inclusi velociraptor, orsi, pantere nere, lupi, pipistrelli, gorilla, leonesse, il Tirannosauro ed i mostri mutanti che appaiono nei livelli di Atlantide. Essi sono più difficili da battere, dal momento che spesso attaccano in gruppo.
  • I nemici umani sono Pierre DuPont, Larson, Jacqueline Natla e due dei suoi tre originali scagnozzi: Kid e Kold.
  • Gli oscuramenti dello schermo che avvenivano in Tomb Raider: Legend subito dopo la morte di Lara ci sono ancora, ma impiegano più tempo in modo da poter vedere come muore.
  • Il modello di Lara è stato migliorato con più poligoni ed ha ottenuto qualche nuova mossa, tra cui il mantenimento di equilibrio sulla punta di colonne e la possibilità di correre sui muri mentre Lara è aggrappata al rampino.
  • I livelli a differenza di Tomb Raider: Legend sono meno lineari.
  • Si stima che il gioco sia più lungo del precedente capitolo almeno del 50%.
  • I filmati interattivi sono tornati.
  • La funzione della presa automatica è opzionale, così come quella degli aiuti su schermo.
  • Sono tornati gli enigmi contenenti chiavi, leve e porte a tempo.
  • La musica è molto meno onnipresente rispetto l'ultimo episodio, entra solo in determinati momenti (tra cui la comparsa dei nemici), e scompare gradatamente lasciando il posto ai suoni ambientali che sono invece particolarmente importanti in questo episodio proprio per intensificare il senso di isolamento, caratteristica tipica (ed apprezzata) del primo episodio.
  • Durante il gioco è possibile consultare il diario di Lara, che può contenere degli indizi su come procedere nei passaggi più ostici.
  • Il sistema di salvataggio è costituito da Punti di controllo predefiniti. Nel momento in cui Lara muore, la partita ricomincia da quel punto di controllo. Inoltre è possibile salvare la partita manualmente ma il gioco comincerà comunque dal punto di controllo precedente.

Extra[modifica | modifica wikitesto]

  • Trovare i segreti costituisce un'importante parte del gioco. Le Reliquie servono a sbloccare nuovi costumi, mentre gli Artefatti sbloccano materiali bonus (come commenti degli autori, musiche, screen di comparazione, ecc.)
  • 10 costumi possono essere sbloccati nel gioco. I giornalisti della rivista PSM3 hanno potuto vedere la muta subacquea di Tomb Raider II durante una dimostrazione per la stampa di Tomb Raider: Anniversary. L'11 maggio è stato mostrato un video in cui venivano mostrati i futuri costumi sbloccabili. Tra questi vi sono l'outfit di Tomb Raider: The Angel of Darkness, quello di Legend, un modello classico simile a quello del primo episodio, la tenuta sportiva che Lara indossava a casa nel primo, la muta "Sola", la tuta da ladra ed un modello dorato (come quando Lara muore salendo sulla mano di Mida); è inoltre possibile giocare come l'alter-ego presente nella grande piramide e come Natla in fiamme.
  • Un commento da parte del direttore Toby Gard e del direttore creativo è presente come elemento sbloccabile del gioco.
  • La colonna sonora è sbloccabile gradualmente, non appena ogni sezione di gioco è completata.
  • Una nota ai fan scritta da uno dei produttori del gioco è disponibile dall'inizio del gioco.
  • Un ulteriore livello, chiamato Miniature è sbloccabile e contiene piccole ambientazioni (4 in tutto, collegate tra loro come unico livello, una per ogni area di gioco) utilizzate dagli sviluppatori per fare dei test sui modelli e le textures del gioco. Il livello è una sorta di prova creato dai produttori del gioco ed è assente di nemici ed enigmi.

Differenze dall'originale Tomb Raider del 1996[modifica | modifica wikitesto]

Come già menzionato, Tomb Raider: Anniversary non è un remake identico al primo episodio, con solamente una grafica aggiornata. La Crystal Dynamics non ha solamente ricostruito il gioco nelle sue ambientazioni principali, ma vi ha anche aggiunto una buona quantità di contenuti inediti; tuttavia ha anche rimosso molte delle vecchie stanze presenti nell'originale. Tirando le somme, il gioco è più corto e molti enigmi sono stati semplificati (sebbene altri siano stati invece migliorati in complessità) rispetto all'originale Tomb Raider del 1996. Dei piccoli esempi di alcune di queste modifiche, aggiunte e eliminazioni del gioco sono:

  • Caverne sui monti: Un paio di stanze sono state rimosse, tuttavia il giocatore può ora controllare Lara in una sequenza di gioco che nel primo Tomb Raider era visibile solamente sotto forma di filmato.
  • Città di Vilcabamba: Non più un livello dai molteplici sentieri e ampie stanze; molte delle caverne sono state eliminate. Ora è abbastanza lineare e priva di alcuni degli ostacoli, come enormi lame ciondolanti e botole. La stanza finale con la piscina è stata rimpiazzata da qualche corridoio e alcune buche profonde (anche l'Idolo d'Oro è stato rimosso).
  • Valle perduta: Le caverne non presenti nella Città di Vilcabamba sembrano essersi spostate qui. Il cambiamento maggiore sta nel fatto che il T-Rex è ora un boss che deve essere necessariamente sconfitto per proseguire nel gioco. Il giocatore non può più evitarlo nascondendosi nelle caverne. Un'ulteriore modifica da Tomb Raider è che non si può più uscire dalla valle perduta semplicemente tornando indietro, ma è necessario entrare nel tempio e girare l'intera valle attraverso dei passaggi sopraelevati che permettono di tornare nella zona della grande cascata. Gli ingranaggi fanno parte, ora, di un elaborato meccanismo di legno. In più, la posizione del fucile è in un posto nascosto del livello. Se non lo si trova, può essere comunque ottenuto da Larson dopo aver finito il Perù.
  • Tomba di Qualopec: Rimosse tutte le buche piene di spine. La battaglia con Larson ora è un filmato interattivo e non più un diretto combattimento con le armi. Il pavimento della maggior parte dei quattro principali corridoi della tomba è crollato ed ora è necessario allineare delle alte colonne per poi saltarci sopra in modo da accedere alle altre camere della tomba. le grandi lame dondolanti che mancavano a Vilcabamba fanno un'apparizione qui.
  • St. Francis Folly: I gorilla ed i coccodrilli non appaiono in questo livello, diversamente dall'originale. Aprire le prime porte richiede la memorizzazione di uno schema e dunque riprodurlo sparando a delle luci in un gigantesco murale. Thor è ora chiamato Efesto. Damocle richiede un impegno maggiore per fuggire dalla stanza rispetto allo schivare semplicemente le spade cadenti dal soffitto come nell'originale. Nettuno è ora chiamato Poseidone e presenta un enigma acquatico totalmente differente da quello del primo episodio, a differenza della stanza di Atlante che è abbastanza simile all'originale. Le sezioni di sparatoria con Pierre sono state sublimate in un filmato iniziale.
  • Il Colosseo: Probabilmente il livello drasticamente più cambiato del gioco. Gli attraversamenti del perimetro esterno della struttura per cercare una via d'uscita non sono più presenti; non ci sono tunnel con alligatori da percorrere e gli enigmi con le porte a tempo sono spariti. Sono stati rimossi anche le tre stanze agli angoli con i loro enigmi personali e le trappole con le spine sono, anche loro, state rimosse. Complessivamente, il livello è a malapena una frazione della grandezza del Colosseo di Tomb Raider e può essere completato piuttosto velocemente. Anche in questo livello non ci si scontra con Pierre, ma in alcuni frangenti lo si può sentire in lontananza mentre insulta Lara. La stessa cosa accadrà nei successivi livelli della sezione greca.
  • Palazzo di Mida: Rimosso è il meccanismo delle cinque leve che apriva le varie porte in base al simbolo che avevano disegnato. Mida è ora al centro del palazzo invece che appartato in una stanza nascosta e non si può più attraversare il perimetro superiore tra tetti e colonne per trovare una delle sbarre di piombo; la zona dell'acquedotto è stata eliminata. La nuova Stanza del Fuoco è più intricata e spettacolare che saltare semplicemente attraverso dei pilastri infuocati. Complessivamente, la struttura del livello è molto più semplice, anche se gli enigmi ora più intricati complessivamente equilibrano un po' il livello.
  • Tomba di Tihocan: Il livello The Cistern è stato unito con Tomb of Tihocan; tuttavia, l'unico aspetto del livello Tomb of Tihocan originale è la semplice tomba con Pierre all'interno. Non ci sono più chiavi arrugginite da trovare e non più angusti lunghi passaggi subacquei da esplorare. L'area principale di gioco è un'ampia stanza e le leve per abbassare ed alzare il livello dell'acqua sono nella stanza stessa e ben visibili, non più le leve nascoste di Tomb Raider. Il passaggio finale ti porta dritto alla tomba, passando all'intera area che era poi l'originale livello Tomb of Tihocan del primo episodio. I centauri nella tomba sono anche dei boss ed hanno ora la capacità di trasformare Lara in pietra.
  • Tempio di Khamoon: Nel gioco originale il titolo era "Città di Khamoon". Il primo incontro con le bestie mummificate è ora mostrato attraverso un filmato. L'area principale col portone è composta ora da due sfingi, anziché una.
  • Obelisco di Khamoon: In Tomb Raider, questo livello, inizia con una stanza piena di blocchi movibili che rivelano stanze nascoste dietro di essi. In Tomb Raider: Anniversary questa sequenza è spostata alla fine del livello Tempio di Khamoon. Questo livello ha molte più trappole rispetto al livello originale.
  • Santuario dello Scion: Questo livello ha un paio di nuovi enigmi che coinvolge il sollevamento di enormi obelischi immersi in acqua per aprire delle porte. L'enigma delle due enormi statue sotto la sfinge è molto più elaborato. Larson non viene combattuto in questo livello.
  • Miniere di Natla: I massi non appaiono in questo livello, diversamente dall'originale, nel quale avevano una parte essenziale. Anche le battaglie di Lara contro gli scagnozzi di Natla, come Kold e Kid, sono eseguite sotto forma di sequenze interattive e non più con un diretto combattimento. Il Cowboy non è presente in questo remake, rimpiazzato da Larson.
  • La grande piramide: Chiamato nel gioco originale Atlantis Il più delle stanze e degli enigmi sono semplicemente stati rimossi e rimpiazzati da leve a tempo per scalare i muri e arrampicarcisi col rampino. In Tomb Raider, questo livello era un insieme di più di una dozzina di stanze e di enigmi con massi rotolanti, blocchi movibili, leve, buche spinose e ampie vasche. L'unico enigma che rimane è l'incontro della gemella mutante di Lara che imita ogni sua mossa.

In definitiva, il livello è molto più corto dell'originale.

  • Scontro finale: Nell'ultimo livello del gioco non vi sono massi rotolanti e buche piene di spine come si ricordava nel livello finale di Tomb Raider (Atlantis) . Uno dei vecchi enigmi in acqua dell'originale livello Atlantis è mantenuto, ma il gioco termina dopo aver battuto Natla. Non c'è più la fuga finale dalla stanza; essa avviene via filmato.

Altri cambiamenti da Tomb Raider:

  • Lara chiama Larson per nome, il che fa supporre che essi si siano già incontrati, mentre nel gioco originale questo non succede. Questo cambiamento può essere dovuto agli eventi avvenuti nella prima parte di Tomb Raider Chronicles.
  • Lara non può trattenere il suo respiro a lungo e di conseguenza i corridoi da percorrere sott'acqua sono molto più corti.
  • Il tasto "Cammina" non evita la caduta dai dirupi. In Tomb Raider, infatti, premendo questo tasto, Lara si fermava non appena raggiungeva il limite prima del dirupo.
  • Il salto verticale di Lara è molto più basso di quello dei primi sei episodi.
  • Non è sempre chiaro quali superfici possono essere afferrate e quali no. Sembra che le sporgenze afferrabili siano bianche. Tutte le altre possono permetterlo come non possono, causando confusione e giudizi errati quando si salta verso una sporgenza discutibile.
  • Nuotare sott'acqua può sembrare particolarmente difficoltoso siccome ci sono molti più controlli per risalire, immergersi, nuotare velocemente o nuotare in superficie. In Tomb Raider si doveva semplicemente premere il pulsante "Salto" e usare le frecce per controllare la direzione del nuoto.

Contenuto a episodi su Xbox 360[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 giugno 2007 Eidos ha annunciato una versione per Xbox 360 di Tomb Raider: Anniversary. Il gioco è diviso in quattro episodi, due dei quali saranno rilasciati a settembre e i due seguenti poco dopo. Il livello della Residenza Croft sarà disponibile come download gratuito per ogni set di episodi. Acquistare tutti e quattro gli episodi costerà 2400 Microsoft Points (28,80 €) e richiederà un disco di Tomb Raider: Legend. È la prima volta che un intero gioco sia disponibile nell'Xbox Live Marketplace. Il gioco è stato rilasciato il 26 ottobre 2007 sotto forma di disco.

Uno sviluppatore del gioco ha detto: "Ovviamente siccome il gioco girerà su una 360, possiamo sfruttare la console più di quanto abbiamo fatto con la PlayStation 2. Abbiamo rimpiazzato le texture originali con versioni in alta risoluzione, così come abbiamo aumentato la qualità dei modelli dei personaggi. Abbiamo messo luci ed ombre in tempo reale, aiutandoci a smussare le opzioni grafiche del gioco. Per i veri fan di Tomb Raider abbiamo incluso un ottenimento addizionale che testerà le loro abilità mentre procederanno nel gioco".[10]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lara Croft: L'eroina del gioco, Lara Croft è un'archeologa inglese assunta per trovare degli antichi artefatti, sia da antiche tombe, o dalle grinfie di prepotenti collezionisti.
  • Winston Smith: Il fedele maggiordomo di Lara. Ha servito la famiglia Croft per generazioni. Diventa domestico a vita dopo che la moglie muore. C'è una leggera differenza di apparizioni di Winston nella residenza Croft in Anniversary rispetto a Legend nel quale egli stava sempre davanti al camino. Ora appare casualmente in diverse stanze della residenza.
  • Jacqueline Natla: La direttrice generale della Natla Technologies. Ingaggia Lara Croft per farle cercare il pezzo dell'artefatto "Scion" nascosto in Perù. Tuttavia Natla non è veramente ciò che sembra...
  • Larson: Uno dei tre mercenari che Natla ha assunto per ragioni personali. È un esperto predatore di tombe.
  • Pierre DuPont: Appare come un vecchio rivale di Lara e non è uno dei mercenari di Natla. Anche lui è un esperto archeologo.
  • Kold: Uno degli scagnozzi di Natla la cui arma di scelta è un grosso coltello.
  • Kid: Un altro degli uomini di Natla, è uno skateboarder che utilizza due mitragliette come arma.
  • Qualopec: Uno degli antichi sovrani del continente perduto di Atlantide, la cui tomba si trova in Perù. Oltre a governare Atlantide, appare anche come re degli Inca.
  • Tihocan: Un altro sovrano di Atlantide, la tomba di Tihocan si trova in Grecia.
Personaggi Doppiatori Originali Doppiatori Italiani
Lara Croft Keeley Hawes Elda Olivieri
Jacqueline Natla Grey DeLisle Stefania Patruno
Larson Conway Dave Wittenberg Claudio Colombo
Pierre DuPont Jim Ward Andrea De Nisco
Qualopec Alastair Duncan Marco Balbi
Tihocan Steve Blum Pietro Ubaldi
Richard Croft Edward Hardwicke Claudio Moneta
Kid Philip Tanzini Paolo De Santis
Kold Dave Fennoy Marco Balbi

Animali[modifica | modifica wikitesto]

Perù[modifica | modifica wikitesto]

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Isola perduta[modifica | modifica wikitesto]

Reliquie[modifica | modifica wikitesto]

Durante il gioco è possibile trovare delle queste reliquie:

Perù (Caverne sui monti)[modifica | modifica wikitesto]

  • Bottiglia dell'Orca Assassina: Ceramica di un'orca assassina riconducibile al primo periodo intermedio 1-700 d.C.. Tali recipienti venivano utilizzati principalmente per bere la chica.

Perù (Valle perduta)[modifica | modifica wikitesto]

  • Pinta Kero: Antico recipiente, utilizzato per bere la chica. Comune durante i banchetti delle Ande, il Kero veniva anche utilizzato dagli Incas come vaso cerimoniale per i riti religiosi.

Grecia (Palazzo di Mida)[modifica | modifica wikitesto]

  • Modellino del gufo Ateniese: Uccelli sacri della dea Atena, i gufi venivano spesso associati al profondo concetto di saggezza.
  • Testa di Grifone: Le teste di Grifone venivano mischiate in calderoni o calici risalenti all' arte greca del 700 a.C. e servite come talismani per scacciare gli spiriti maligni.

Egitto (Tempio di Khamoon)[modifica | modifica wikitesto]

  • Gatto mummificato: Per via del rapido propagarsi del culto della dea gatto Bast (anche conosciuta come Bastet) nel periodo tardo dell'Antico Egitto, i gatti venivano spesso mummificati e rivenduti ai pellegrini, per essere donati al cospetto della dea.

Egitto (Santuario dello Scion)[modifica | modifica wikitesto]

  • Idolo di Horus: Il dio Egiziano del cielo, Horus, è rappresentato da un falco o da un uomo con la testa di falco e in qualità di dio del cielo, è stato associato all'Alto Egitto. durante una battaglia contro suo fratello Seth per il controllo del potere, Horus perse uno dei suoi occhi.

Isola perduta (Miniere di Natla)[modifica | modifica wikitesto]

  • Calice del Tormento: Questo calice serviva per raccogliere il sangue delle vergini sacrificali e, una volta riempito, veniva utilizzato come recipiente per mischiare erbe e polveri aggiuntive con proprietà psicotrope. Pronto l'intruglio, il liquido veniva ingurgitato dai giudici sacerdoti di Atlantide per invocare gli spiriti.

Isola perduta (Grande Piramide)[modifica | modifica wikitesto]

  • Collana dell'amarezza: Questa sacra collana veniva indossata dai giudici sacerdoti di Atlantide durante le condanne dei criminali che avevano offeso i tre re del triumvirato. Considerato che la punizione poteva essere un'esecuzione, questo oggetto si trasformò presto in simbolo di morte.

Valutazione sull'età consigliata[modifica | modifica wikitesto]

ESRB[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è stato valutato "T for Teen" come indica il sito ufficiale. Gli è stato dato questo voto a causa dei Moderati Temi Suggestivi e della Violenza.

PEGI[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha ricevuto una valutazione di 16+ nel Regno Unito, come confermato dall'immagine di copertina del gioco che è stata rivelata il 10 febbraio 2007. La classificazione è un grado al di sopra del 12+ di Legend (quest'ultimo è stato comunque recentemente rivalutato come 16+) e del più tenebroso della serie Angel of Darkness; questo è dovuto al fatto che ultimamente in Europa si stanno prendendo precauzioni più rigide sulla vendita di videogames ritenuti "violenti", e di conseguenza anche Tomb Raider: Anniversary al suo rilascio ha subito il peso di questa lieve ma importante valutazione.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Trailer[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati rilasciati nove trailer ufficiali.

  1. Il primo[11] (21 dicembre 2006) mostra una sequenza FMV, nella quale Lara scivola nella Valle Perduta, combatte con diversi velociraptor ed improvvisamente si volta, sentendo il rumore del T-Rex che si avvicina. Quelli che seguono sono diversi secondi di spezzoni di gameplay del primo e del terzo livello, che includono il combattimento contro orsi, lupi e pipistrelli.
  2. Il secondo trailer[12] (23 febbraio 2007), rivela il filmato di introduzione (la guida di Lara attaccata dai lupi) e spezzoni di gameplay dai livelli ambientati in Egitto. Una nuova mossa, nella quale Lara corre su un muro mentre è appesa sul suo rampino è stata mostrata nel video. È anche mostrato come alcuni mutanti attacchino Lara, lanciandole addosso una palla infuocata, proprio come nel gioco originale. Il trailer ha anche rivelato che il gioco uscirà a maggio. Esso ci fa sentire anche un rifacimento del brano Where The Dephts Unfold, un dialogo fra Lara e Natla (che contiene varie citazioni tratte dall'episodio originale), e un nuovo brano di chiare sonorità egiziane.
  3. Un ulteriore trailer[13], che mostra il gameplay in Egitto, con Lara che combatte diverse mummie, è stato rilasciato in data 13 aprile 2007. Esso rimanda l'uscita a giugno.
  4. Il 17 aprile 2007, Eidos ha rilasciato un quarto trailer ufficiale[14], ambientato nel livello Tempio di Khamoon che mostra Lara combattere con diversi mutanti e mummie e compiere salti rischiosi tra trappole letali. Vengono mostrati i centauri ed i mutanti alati.
  5. A fine aprile Eidos ha mostrato un quinto trailer[15], questa volta ambientato nel livello St. Francis Folly, che fa vedere la vertiginosa struttura del monastero, più l'interno delle quattro stanze degli dei.
  6. In data 3 maggio 2007 viene rilasciato un sesto trailer[16] che mostra alcune sequenze del livello Il Colosseo. Si può notare come sia stata ricreata l'immensa struttura architettonica e diversi leoni e gorilla che attaccano Lara. Questi ultimi hanno ora la possibilità di gettarle macigni addosso.Qui la data d'uscita viene riportata a fine Maggio 2007.
  7. Il 17 maggio 2007 Eidos rilascia il trailer numero sette[17]. Esso mostra diversi spezzoni di gioco ambientati ad Atlantide. Si possono vedere i mutanti e il gigantesco mutante di fine livello. Finalmente vediamo Lara impugnare un paio di uzi.Questo trailer rimanda un'altra volta la data d'uscita alla data definitiva: il 5 giugno 2007.
  8. L'ottavo trailer ufficiale[18] è mostrato il 23 maggio. Viene ripreso il paesaggio del livello Valle Perduta e si può vedere Lara sparare ad alcuni velociraptor. Improvvisamente entra in scena il tirannosauro e l'archeologa impugna le armi contro di esso.
  9. Il nono trailer[19] mostra Lara nella tomba di Tihocan che prende il secondo pezzo di Scion. Dietro a lei si avvicina Pierre con una pistola che la invita a farsi consegnare l'artefatto. Seguono diversi spezzoni di Lara e Pierre mentre combattono senza armi ed infine della protagonista che unisce i due frammenti di Scion.

Footage gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 marzo 2007, Play TV ha svelato un video di circa 4 minuti, riguardo ad un livello in Egitto presente in Tomb Raider: Anniversary; ciò ha causato una reazione dei fan molto varia. Benché alcuni ne siano rimasti entusiasti, altri hanno invece avuto una grossa delusione. Ci si è lamentati in particolare del fatto che il gioco adotti uno schema semplicistico, lineare e con un'impronta decisamente più portata all'azione che non all'esplorazione; questo, nonostante tutte le interviste e tutti gli articoli affermino l'esatto opposto e malgrado le stesse identiche critiche siano state inflitte anche a Tomb Raider: Legend. In più si pensa che ci sia un uso troppo largo dei pali orizzontali. Nel filmato è anche incluso un secondo breve footage, ambientato nel primo livello in Perù e mostra Lara camminare verso l'entrata della Città di Vilcabamba.

Avendo avuto una generale reazione negativa da parte dei fan, Crystal Dynamics ha scelto di diminuire i suggerimenti nella versione definitiva.

Infatti il 29 marzo 2007 GameTrailers.com ha pubblicato 4 footage di Tomb Raider: Anniversary ambientati in Perù. Essi mostravano diversi miglioramenti del gameplay, tra cui il modo di salire le sporgenze non più con un saltello, ma appoggiando le ginocchia ed issandosi con la forza delle braccia. Ulteriori nuove possibilità mostrate erano quella di bilanciarsi su piccoli tronchi e quella di potersi tuffare a volo d'angelo.

Da allora, sono state rilasciate molte anteprime, cutscene e video che mostravano il gameplay in Perù ed in Grecia. Natla stessa è stata mostrata in una delle clip. Questi video, in generale, hanno ricevuto una reazione più positiva dei precedenti.

Demo[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 maggio 2007 Eidos Interactive rilasciò una demo ufficiale, in essa vi è un segmento del livello Valle Perduta. La demo termina all'arrivo del Tirannosauro Rex.[20]

Natla cambiata da Tomb Raider (1996)[modifica | modifica wikitesto]

La Crystal Dynamics ha cambiato Natla. E ha anche cambiato le sue azioni:

  • Natla ha i capelli lunghi (nel primo li ha corti)
  • Nella battaglia finale, Natla è completamente diversa rispetto alla battaglia del primo capitolo, mentre nel primo Tomb Raider, nello scontro finale, Natla era solo la versione originale con l'aggiunta di due ali, in Anniversary ha un aspetto completamente cambiato.

Costumi[modifica | modifica wikitesto]

  • Anniversary: è il costume classico di Lara in tutti i livelli. Questo costume somiglia molto al Classico di Tomb Raider Legend.
  • Legend: è il vestito di Lara nel precedente gioco.
  • Alter ego: è un costume simile a quello dell'alter ego solo con zainetto e fondine.
  • Mimetico: è un vestito sbracciato con stivaletti, che somiglia molto all'abbigliamento di Lara in Angel of Darkness.
  • Dorato: è il vestito come quando Lara sale sulla mano di Mida e diventa d'oro.
  • Divisa sportiva residenza: è un costume simile a quello di Tomb Raider a piedi nudi.
  • Classico: è il costume del primo Tomb Raider. Senza gli occhialini da sole si può notare che le sopracciglia sono più lunghe.
  • Muta: questa è la muta "Sola" di Tomb Raider 2. Anche qui Lara è a piedi nudi.
  • Calzamaglia: è una tuta da ladra simile al Legend, Tomb Raider Chronicles e Tomb Raider 3.
  • Natla in fiamme: è il costume di Natla alla fine del livello senza ali.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ci sono riferimenti agli episodi passati. Nella residenza Croft Lara legge un libro che parla del relitto della Maria Doria e di come sia stato scoperto. Uno dei livelli di Tomb Raider II è ambientato nella Maria Doria. Ne legge anche uno che tratta della Pietra di Iride, un artefatto da lei trovato prima degli avvenimenti di Tomb Raider 3 e un altro che racconta della leggenda del Pugnale di Xian.
  • La maggior parte dei media considera Tomb Raider: Anniversary come un vero e proprio remake di Tomb Raider I -nel gioco stesso viene chiamato remake- nonostante la Crystal Dynamics abbia più volte sottolineato che questo episodio (facente parte della saga) è semplicemente ispirato al primo perché presenta molte differenze con il Tomb Raider originale.
  • Nel menu Ricompense, se si va a guardare la gallery contenente i packshot dei precedenti giochi, si può notare come il logo Core Design non appaia nelle prime sei immagini, mentre il logo Crystal Dynamics è visibile nella copertina di Tomb Raider: Legend.
  • Se nel terzo livello in Grecia (Palazzo di Mida) Lara sale sulla mano di re Mida, muore trasformandosi in una statua d'oro, come nell'originale Tomb Raider del 1996.
  • Il "Torso" è chiamato così perché probabilmente esso ha un gigantesco busto. Da ricordare che il busto si può chiamare anche "torso".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi