Tom Jennings (informatico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tom Jennings

Tom Jennings (Boston, 1955) è un informatico, attivista LGBT statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un tecnico elettronico autodidatta, costruì la sua prima macchina elettronica a soli dodici anni.

Nel 1983, quando aveva 28 anni, lavorava per una piccola software house di Boston. Alla fine di quest'anno si trasferì a San Francisco per un periodo di vacanza ed a dicembre fondò la Fido BBS N.1.

Nel giugno 1984 collegò Fido BBS N.1 con Fido2, una BBS di Baltimora creata da John Madill, dando vita a FidoNet, la prima rete di BBS.

Siccome i programmi necessari al funzionamento di FidoNet si auto-propagano gratuitamente da un nodo all'altro, il progetto vide una rapida espansione: i nodi erano 160 all'inizio del 1985.

Ideali[modifica | modifica wikitesto]

Tom Jennings ha detto alla scrittrice Helena Velena[1] di essere "punk, anarchico, libertario, omosessuale, hacker ed a favore del pirataggio di qualunque tipo di software commerciale".

Il giorno che Howard Rheingold, studioso dell'impatto sociale e delle nuove tecnologie, lo incontrò per la prima volta, "aveva i capelli viola e vari pezzi di metallo agganciati al giubbotto di pelle, alle orecchie e al naso. Va in skateboard, è attivista del movimento gay, è anarchico e aborrisce l'idea di reprimere qualsiasi forma di libera espressione delle idee".

Dal 2001 vive col suo compagno a Los Angeles. Attualmente si occupa di retrocomputing.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diritto alla comunicazione nello scenario di fine millennio di Helena Velena

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]