Tom DiCillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tom DiCillo (Camp Lejeune, 14 agosto 1953) è un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia statunitense, attivo nell'ambito del cinema indipendente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

DiCillo nasce nella base militare di Camp Lejeune (Carolina del Nord) il 14 agosto 1953 da padre italiano e da madre statunitense originaria della Nuova Inghilterra. Studia scrittura creativa alla Old Dominion University di Norfolk, in Virginia, e cinema alla New York University.

Nel corso degli anni ottanta lavora come direttore della fotografia, in particolare per Jim Jarmusch, prima di esordire alla regia nel 1991 con Johnny Suede, un film «scanzonato e surreale»[1] che vince il Pardo d'Oro al Festival di Locarno. Si tratta del primo ruolo da protagonista alla futura star Brad Pitt, accanto al quale si fa notare Catherine Keener, nominata per la sua interpretazione agli Independent Spirit Awards, che sarà presente anche nei successivi tre film diretti da DiCillo.

Nella sua opera seconda, Si gira a Manhattan (Living in Oblivion) (1995), un'autoironica satira del cinema indipendente, DiCillo mette in scena il caotico set di un film a basso costo, guidato da un regista interpretato da Steve Buscemi, giocando tra realtà e finzione, sogno e incubo.[2] Il film vince diversi premi in festival internazionali, in particolare il premio per la sceneggiatura al Sundance Film Festival.

DiCillo compie però un passo falso con il deludente[3] Box of Moonlight (1996), interpretato da John Turturro e Sam Rockwell e non convince[4] nemmeno con Bionda naturale (The Real Blonde) (1997), satira sul mondo della moda e dello spettacolo, con Matthew Modine e Daryl Hannah, tanto che il successivo Double Whammy (2001) viene distribuito direttamente in home video.

La commedia Delirious - Tutto è possibile (2006), vincitrice di tre premi al Festival di San Sebastian (miglior regista, sceneggiatura e premio SIGNIS), segna la terza collaborazione con Steve Buscemi.

L'opera successiva di DiCillo, When You're Strange (2009), è un documentario sulla band dei Doors.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regia[modifica | modifica sorgente]

Fotografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 1547
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 2701
  3. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 426
  4. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 390

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24799072 LCCN: n95060098

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema