Tomás Hirsch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomás Hirsh

Tomás Hirsh, nome completo Tomás René Hirsch Goldschmidt (Santiago del Cile, 19 luglio 1956), è un fotografo, imprenditore e politico cileno. Figlio di immigrati ebreo-tedeschi fuggiti dalla Germania Nazista durante la seconda guerra mondiale, Hirsh incominciò la sua carriera politica nel Movimento Umanista Internazionale lavorando contemporaneamente come imprenditore nel settore della fotografia.

Hirsh è stato uno dei più fieri oppositori del regime di Pinochet ed è stato promotore della fondazione del Partito Umanista Cileno, un partito di sinistra umanista che ha aderito alla coalizione di centrosinistra Concertación de Partidos por la Democracia.

Nominato da presidente Patricio Aylwin come ambasciatore del Cile in Nuova Zelanda nel 1990, nel 1992 ritorna nel suo paese dopo la morte di Laura Rodríguez ossia la prima umanista al mondo ad essere eletta ad un parlamento nazionale.

Divenne il leader del suo partito e a seguito delle sue critiche al governo in carica Hirsh decise di far uscire il suo partito dalla coalizione di governo. Presentatosi candidato a parlamentare nel 1997 nello stesso distretto in cui venne eletta Laura Rodríguez è stato sconfitto sconfitto.

Presentatosi alle elezioni presidenziali del 1999 ha ottenuto solo l'0,51% dei voti. Al ballottaggio ha sostenuto Ricardo Lagos del Partito Socialista Cileno. Stessa sorte è capitata nelle presidenziali di sei anni dopo in cui si è presentato alla testa di una coalizione di sinistra radicale Juntos Podemos Más formata da umanisti e comunisti ottenendo questa volta il 5,5% dei voti.

Durante il 2008 Hirsh ha ribadito la sua volontà di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 38116564 LCCN: n2008060437

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie