Toby Young

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Toby Daniel Moorsom Young (17 ottobre 1963) è un giornalista britannico autore del libro "Un alieno a Vanity Fair", il racconto dei 5 anni in cui ha lavorato senza grande successo a "Vanity Fair".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era Michael Young, sociologo che introdusse il termine "meritocrazia". Sua madre, Sasha Moorsom, era scrittrice, scultrice e pittrice. Ha studiato al Brasenose College di Oxford dove si è diplomato in Filosofia, Politica ed Economia (PPE). Ad Oxford diede vita ad un nuovo giornale, "The Danube", scoprendo così il suo interesse nel giornalismo. Nel 1986 lasciò Oxford e iniziò a lavorare per il Times ma presto venne licenziato. Tra il 1988 ed il 1990 ha lavorato come assistente tecnico a Cambridge presso la Facoltà di Scienze Politiche e Sociali.

Nel 1991 ha fondato il Modern Review con Julie Burchill e suo marito Cosmo Landesman. Nel 1995 decide di chiudere essendo ormai il giornale sull'orlo del fallimento.

Presto si trasferì a New York a lavorare per Vanity Fair dove i colleghi lo accusano di essere pressante e fastidioso; la sua carriera è riportata nel libro "Un alieno a Vanity Fair". Nel 1998 il suo contratto non è stato rinnovato ma rimane a New York e lavora per due anni presso il New York Press. Torna nel 2000 in Gran Bretagna a lavorare come editore associato del "The Spectator" e colonnista del "Indipendent on Sunday" e "The Evening Standard".

Nel 2002 ha partecipato ad una serie TV su Channel 4 "Come dine with me" che ha vinto. Nel 2008 è stato prodotto un film sul suo libro in cui Simon Pegg interpreta il ruolo del giornalista.

Young è sposato con Caroline Bondy con cui ha 4 figli. i due si sono conosciuti a Manhattan nel 1997 e si sono sposati nel 2000.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

Graydon Carter, editore di "Vanity Fair": "Quelli che non sanno insegnare, scrivono. Quelli che non sanno scrivere, scrivono di loro stessi - Nel caso di Toby, infinitamente".

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79542149

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie