Titone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Titone (disambigua).
Eos insegue Titone, oinochoe attica a figure rosse da Vulci, 470460 a.C., Louvre

Nella mitologia greca Titone, detto anche Titono (in greco Τιθωνός) era figlio di Laomedonte e della figlia del dio fluviale Scamandro, chiamata Strimo. È fratello di Podarce, che in seguito sarà chiamato Priamo e che diverrà re di Troia. Gli altri suoi fratelli sono Clitio, Icetaone, Lampo e le tre sorelle, Esione, Astioca e Cilla.

Fu amato da Eos (l'aurora), con la quale ebbe due figli, Emazione e Memnone; quest'ultimo partecipò alla Guerra di Troia.

La leggenda narra che Eos chiese a Zeus di donargli l'immortalità, dimenticando di richiedere anche l'eterna giovinezza. Vedendo il suo amato diventare sempre più vecchio e privo di forze, Eos ottenne che fosse mutato in cicala.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]