Tito Lucrezio Tricipitino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tito Lucrezio Tricipitino
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica Romana
Nome originale Titus Lucretius Triciptinus
Figli Lucio Lucrezio Tricipitino
Gens Lucretia
Consolato 508 a.C.
504 a.C.

Tito Lucrezio Tricipitino, in latino: Titus Lucretius Triciptinus, nelle epigrafi T·LVCRETIVS·T·F·TRICIPITINVS; floruit 508 a.C.-504 a.C. (Roma, ... – ...), è stato un politico e militare romano del VI secolo a.C.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Schema della battaglia tra Romani ed Etruschi, durante l'assedio di Porsenna a Roma. Tito Lucrezio comanda l'ala sinistra romana.

Due volte console, Tito Lucrezio apparteneva alla gens Lucretia, una delle più antiche gens patrizie dell'antica Roma.

Tito Lucrezio venne eletto console la prima volta nel 508 a.C., insieme a Publio Valerio Publicola[1], al suo secondo mandato. Durante il consolato si svolse un censimento e vennero imposte le tasse di guerra[2].

Durante il consolato Roma subì l'attacco degli Etruschi guidati da Porsenna, attacco che si trasformò nell'assedio di Roma, nella cui narrazione si inseriscono gli episodi leggendari di Orazio Coclite e Muzio Scevola. Gli stessi due consoli, si distinsero in operazioni belliche, volte a impedire le razzie operate dagli assedianti etruschi. L'assedio, nel racconto dei romani, terminò con un trattato di pace con la città di Chiusi, senza che Tarquinio il Superbo riuscisse nel proprio intento di restaurazione al potere.

L'anno successivo, durante il terzo consolato di Publio Valerio e il secondo di Marco Orazio Pulvillo, combatté contro gli Etruschi che avevano attaccato Roma sotto la guida di Porsenna[3], rimanendo ferito nella battaglia[4].

Tito Lucrezio fu console una seconda volta nel 504 a.C., di nuovo assieme a Publio Valerio Publicola. Durante il consolato i due condussero con successo la guerra contro i Sabini nei pressi di Fidene, ed al loro ritorno a Roma venne loro tributato il trionfo[5], anche se nei fasti triumphales viene riportato unicamente il nome di Valerio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Lucio Giunio Bruto[1]
e
Lucio Tarquinio Collatino[2]
(508 a.C.)
con Publio Valerio Publicola II
Publio Valerio Publicola III
e
Marco Orazio Pulvillo II
I
Marco Valerio Voluso
e
Publio Postumio Tuberto I
(504 a.C.)
con Publio Valerio Publicola IV
Agrippa Menenio Lanato
e
Publio Postumio Tuberto II
II

  1. ^ suffecti Spurio Lucrezio Tricipitino e Marco Orazio Pulvillo I
  2. ^ suffectus Publio Valerio Publicola I