Tito Flavio Sabino (console 82)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tito Flavio Sabino (latino: Titus Flavius Sabinus; floruit 82; ... – ...) è stato un politico romano appartenente alla dinastia flavia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sabino era figlio dell'omonimo Tito Flavio Sabino, console nel 69 e cugino degli imperatori Tito e Domiziano; suo fratello minore fu Tito Flavio Clemente. Sposò Giulia, figlia di Tito.

Nell'82, durante il secondo anno di regno di Domiziano, fu nominato console ordinario. Successivamente fu messo a morte dal cugino Domiziano, divenuto imperatore, in quanto, durante i comizi consolari, un araldo lo aveva chiamato imperator e non consul designato.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Svetonio, Vita di Domiziano, 10.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Lucio Flavio Silva Nonio Basso,
Lucio Asinio Pollione Verrucoso
Console romano
82
con Imperatore Cesare Domiziano Augusto VIII
Successore
Imperatore Cesare Domiziano Augusto IX,
Quinto Petilio Rufo II
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma