Titanus giganteus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Titanus giganteus
Titanus giganteus MHNT.jpg
Titanus giganteus (Linnaeus, 1758)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Cucujiformia
Superfamiglia Cerambycoidea
Famiglia Cerambycidae
Sottofamiglia Prioninae
Tribù Dynastini
Genere Titanus
Specie T. giganteus
Nomenclatura binomiale
Titanus giganteus
Linnaeus, 1771
Nomi comuni

Scarabeo Titano

Lo scarabeo titano (Titanus giganteus) è un Cerambycidae neotropicale, l'unico nel genere Titanus, e la seconda specie più lunga conosciuta fra i coleotteri.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli adulti possono crescere fino a 16,7 cm di lunghezza.[1] Di tutti i coleotteri noti, solo lo scarabeo ercole (Dynastes hercules), i cui maschi giganti occasionalmente possono crescere fino a 18 cm (più lungo del titano, ma i maschi di scarabeo ercole hanno un enorme corno sul pronoto o torace che rappresenta circa la metà della sua lunghezza totale. Escludendo il corno, il corpo del coleottero Titano è notevolmente più grande di quello dello scarabeo ercole). Si sa che le corte, curve e affilate mandibole possono spezzare a metà una matita e tranciare la carne umana[2]. Gli esemplari adulti dello scarabeo titano non si nutrono, ma sono, invece, alla costante ricerca di un partner.

Le larve non sono mai state trovate, ma si pensa che si nutrano all'interno del legno e che possano richiedere diversi anni per raggiungere la taglia massima prima che diventino pupe. Le larve di scarabeo titano creano dei buchi ai quali si attaccano per nutrirsi, i quali sembrano larghi più di 5 cm e profondi forse 30. Una famosa fotografia "a grandezza naturale" di quella che è ritenuta essere una larva di questo coleottero è apparsa sulla rivista di National Geographic[2], ma che era di una diversa specie di coleottero, forse Macrodontia cervicornis.

Gli adulti si difendono mettendo in guardia sibilando e mordendo, e hanno aculei affilati, nonché forti mascelle. [2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Si riscontra la sua presenza nelle foreste pluviali del Venezuela, Colombia, Ecuador, Perú, Guiana, e nel centro-nord Brasile.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] University of Florida Book of Insect Records
  2. ^ a b c Zahl, P. A. (1959): Giant insects of the Amazon. Natl. Geogr. Mag. 115 (5): 632-669.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]